Sono giornate intense quelle vissute da Alessandro Iafrate, nella sua palestra Champion Training di Sora (FR) in vista dello scontro, è proprio il caso di dirlo, con lo squadrone cinese nel challenge Italia VS Cina che si terrà a Cinecittà World nella giornata del 30 novembre. I cinesi sono quelli che hanno inventato la disciplina del Wushu Kung Fu meglio conosciuto come Sanda a livello professionistico.

E’ raro che i cinesi accettino il confronto, ma quando si presenta l’occasione è il caso di prepararsi al meglio, per questo oltre al grande Michele Verginelli, che torna a calcare il ring e si è preparato con tutta l’attenzione del caso, troviamo combattenti che stanno emergendo in maniera prepotente dopo aver affrontato palcoscenici internazionali. Alessandro Iafrate, 25 anni di Frosinone, è uno di questi, l’astro nascente delle arti marziali di origine cinese nel centro Italia. Dopo anni di mondiali, europei e innumerevoli titoli italiani finalmente è pronto per esordire sotto i riflettori di un grande evento che può proiettarlo verso una carriera dagli infiniti sbocchi.

Mi sto allenando con un preciso obiettivo, la vittoria, e per dimostrare che anche in Italia il Sanda ha fatto passi da gigante. Non sarà facile, incontriamo i migliori esponenti della disciplina, ma ormai mi sento pronto e credo di aver fatto tutto il possibile per farmi trovare preparato“.

Alessandro Iafrate

Alessandro Iafrate

Un percorso, quello dell’avvicinamento al match, che lo ha visto affrontare anche più sessioni di allenamento al giorno ed una dieta per rimanere nel peso richiesto. “Siamo arrivati al momento fatidico della verifica del peso fissato a 62,500 kg, confesso che ho seguito un regime alimentare molto severo ma con le giuste dosi di carboidrati e proteine per avere l’energia necessaria ad affrontare i massacranti allenamenti. Ovviamente, la forza di volontà è la migliore benzina per un fighter, la motivazione che spinge il corpo a superare la fatica, perché le arti marziali sono soprattutto mente che aiuta il cuore a superare gli ostacoli. Ormai siamo alle sessioni di rifinitura per curare ogni minimo dettaglio“.

Il percorso di Alessandro è proiettato verso il professionismo a tempo pieno per questo l’evento di Roma “rappresenta il primo di una nuova vita agonistica e ci tengo moltissimo a dimostrare tutto il mio valore in vista dei futuri impegni italiani ed internazionali con atleti di altissimo livello“.

L’invito è quello di indossare la divisa azzurra virtuale sabato sera per seguire Alessandro e tutti gli altri atleti italiani in questa sfida tanto prestigiosa quanto impegnativa. “Tre round da 3 minuti senza protezioni rappresentano un banco di prova importante per questo vi invito a partecipare numerosi per farci sentire il vostro supporto sempre nel segno della massima sportività“.

Buon combattimento a tutti dunque, e guardia alta al Cinecittà World di Roma sabato sera. Per info e dettagli è possibile collegarsi al sito www.uikt.it.