Ervin Zukanovic è un calciatore della Roma. Il difensore è già nella Capitale dove in queste ore sosterrà le visite mediche di rito. Alla Sampdoria andranno un totale di 4 milioni di euro: 1,5 milioni per il prestito più 2,5 per l’obbligo di riscatto che scatterà in automatico alla prima presenza.

Zukanovic era ad un passo dallo Stoccarda, ma ha chiesto a Silvano Martina, il suo agente, di bloccare la trattativa nonappena si è fatta largo l’ipotesi Roma.

Il difensore ha così percorso la strada verso Trigoria, desideroso di unirsi con i compagni di nazionale Pjanic e Dzeko.

Ervin si sarebbe dovuto imbarcare alle 9 di ieri alla volta di Stoccarda, ma su quell’aereo non è mai salito: ha perso 700 euro di biglietti, la Sampdoria molto di più perché i teutonici avevano messo sul piatto un totale di 4,5 milioni.

Tutto per assecondare la volontà del calciatore. Zukanovic alla fine è stato accontentato tra il comprensibile imbarazzo della Sampdoria ed il nervosismo dei tedeschi che sono dovuti correre su altri obiettivi (c’è stato anche un tentativo per Barba, ma il fatto che i dirigenti abbiano trattato direttamente con il calciatore ha indispettito l’Empoli, che per questo non cederà il calciatore).

Nel pomeriggio di ieri Sabatini si è messo a lavoro per trovare un accordo con la Sampdoria, che alla fine è giunto. Zukanovic è giallorosso.

Zukanovic può giocare sia da esterno sinistro che da centrale. E’ proprio questa sua duttilità ad aver convinto Spalletti. I tifosi giallorossi, dal canto loro, sperano che possa replicare la punizione-bolide che al 90′ valse il primo punto della gestione Montella alla Samp. L’avversario? La Lazio.