Il calcio non è uno sport di statistica, anche se i numeri spesso ci tornano utili: nel caso di Zlatan Ibrahimovic, per esempio, testimoniano il cambiamento che il fuoriclasse svedese ha conosciuto nell’arco della sua carriera. Fino ai 25 anni Ibra era stato un attaccante più creativo che prolifico: nelle sue prime 248 gare ufficiali da professionista con le maglie di Malmoe, Ajax e Juventus ha segnato 90 gol, per una non eccezionale media di 0,36 reti a partita (e il campionato svedese e olandese non sono noti per la loro complessità); nelle successive 378, con Inter, Barcellona, Milan e PSG, ne ha realizzati 250, facendo lievitare la sua media realizzativa a 0,66, quasi il doppio. Segno, questo, del fatto che Ibra è come il buon vino: invecchiando migliora, senza mai degenerare in aceto. In ogni caso le cifre dicono molto, ma non tutto. Non dicono, per esempio, che lo svedese ha sempre timbrato gol di straordinaria fattura, all’inizio come alla fine della sua carriera. Ecco le sue migliori cinque realizzazioni secondo noi:

5) Juventus-Livorno (Serie A 2005-06)

Sarà anche brutto e sgraziato a vedersi, e sicuramente più adatto a un cestista che a un calciatore, ma quel piedone numero 48 ha un’anima dentro.

4) Lecce-Milan (Serie A 2010-11)

Difesa del pallone con il corpo, breve occhiata alla posizione del portiere, sberla mancina da 30 metri che si spegne sotto l’incrocio opposto, Galliani sbalordito in tribuna. Ecco uno dei tanti motivi per provare a riportare a casa lo svedese.

3) Ajax-NAC Breca (Eredivisie 2004-05)

Pochi giorni prima di passare alla Juventus, Ibra decise di salutare il pubblico dell’Amsterdam Arena bevendosi mezza squadra avversaria in dribbling, volteggiando come un gigantesco Nureev, prima di depositare il pallone in rete con grazia celestiale.

2) PSG-Bastia (Ligue 1 2013-14)

Una delle armi di distruzione di massa più tipiche dell’arsenale dell’Ibradiddio è il colpo dello scorpione, già mostrato (ahinoi) contro l’Italia all’Europeo del 2004 e quindi ripetuto in maglia nerazzurra contro il Bologna nel 2008. Questa contro il Bastia è sicuramente l’esecuzione meglio riuscita.

1) Svezia-Inghilterra (amichevole 2012)

Il gol più folle che io abbia mai visto su un campo di calcio“. Il commento estasiato del telecronista britannico fa passare in secondo piano il fatto che fosse solo un’amichevole: un gol del genere è per la storia.