Il virus Zika inciderà sulle Olimpiadi di Rio de Janeiro? Le autorità brasiliane si sono affrettate a diffondere una nota in cui assicurano che il periodo in cui si svolgeranno le Olimpiadi non è endemico per il contagio e che atleti e turisti non corrono pericoli.

Ecco quanto si legge nella nota diffusa dal ministero della Sanità braisliano: “Il Brasile sta realizzando una grande mobilitazione per combattere la zanzara Aedes aegypti. Il governo federale, insieme a Stati e Comuni, sta compiendo uno sforzo per proteggere non solo i brasiliani, ma anche coloro che verranno nel nostro Paese per i Giochi”.

La precisazione si è resa necessaria dopo l’allarme lanciato dal Comitato olimpico americano (Usoc).

Mario Andrada, portavoce del comitato organizzatore, ha ribadito che “Non ci saranno atleti che rinunceranno alle Olimpiadi in inverno per via di un virus che colpisce in estate (questi sono mesi estivi in Sudamerica). Siamo ancora nel periodo carnevalesco e tante cose dovranno ancora a ccadere. Alla fine gli Usa libereranno i propri atleti per i Giochi”.

Il Kenya sembra non fidarsi delle rassicurazioni che in queste ore stanno arrivando dal Brasile. Il presidente del comitato olimpico locale, Kipchoge Keino, h dichiarato che non ha intenzione di rischiare la salute dei propri atleti.

Solo una settimana fa l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che il virus Zika è una emergenza globale. Gli organizzatori delle Olimpiadi hanno rassicurato che i rischi sono nulli, tranne che per le donne in gravidanza.