Il nuovo Cagliari riparte da una vecchia faccia. Dopo il passaggio di consegne tra Massimo Cellino e la Fluorsid di Tommaso Giulini, imprenditore nel settore chimico nonché ex membro del cda dell’Inter di Massimo Moratti (che giura di non essere coinvolto nell’affare), è arrivata anche la scelta del nuovo allenatore: nientemeno che Zdenek Zeman (foto by InfoPhoto), l’araba fenice del calcio italiano che continua a risorgere dalle ceneri della sua sigaretta. La mesta fine del suo rapporto con la Roma, nel febbraio dello scorso anno, sembrava aver definitivamente tagliato fuori il tecnico boemo dalla Serie A, ma ancora una volta ha avuto ragione lui e il suo fascino da eremita moralizzatore.

Intendiamoci, Zeman aveva continuato ad avere i suoi estimatori anche dopo l’ultimo fallimento in giallorosso: Bologna e Pescara, per dirne due, hanno recentemente provato in tutti i modi ad assicurarsene i servigi per tentare l’assalto alla Serie A, ma alla fine l’ha spuntata il Cagliari, che nella massima serie già si trova. Manca ancora l’ufficialità, arriverà contestualmente alla presentazione del nuovo Cda, ma non ci sono più dubbi: il Cagliari si affida al vecchio Zdenek. Curiosamente, uno dei grandi pallini irrisolti di Massimo Moratti.