Peccato. Dopo una partita costantemente in rimonta, ma comunque di grande grinta e combattività, Camila Giorgi, alla prima Finale WTA della carriera, al “BNP Paribas Katowice Open“, torneo WTA International da 250.000 dollari di montepremi che si disputa in Polonia, quest’anno su campi in cemento indoor, si arrende in tre set alla francese Alize Cornet, testa di serie n.4, con il punteggio di 7-6, 5-7, 7-5 dopo 3h e 11′ di gioco in cui è successo davvero di tutto con l’azzurra che ha anche sprecato un match point.

Cornet, a sua volta, aveva anche servito per il match nel secondo parziale, sul 7-6, 5-3 in suo favore e si è trovata avanti subito di un break nel terzo. Partita caratterizzata, come spesso capita con le donne, da molti turni di servizio persi.

LA CRONACACamila nel primo set ha annullato due set point sotto 5-4 e un altro sotto 6-5, prima di arrendersi al tie break. Nella seconda partita è andata sotto 3-0 e poi 5-3, ma ha avuto la capacità di rimontare e allungare la sfida al terzo set. Stesso andamento nel terzo e decisivo parziale: la Cornet avanti 3-0, la rimonta dell’azzurra, che sul 5-4 ha anche avuto un match point a favore prima di cedere 7-5. Camila e Alize si erano affrontate già a gennaio agli Australian Open: prevalse la francese, dopo una lotta di tre set con la Giorgi che nel terzo set era avanti 4-1.

Un torneo comunque in crescendo quello della Giorgi, che ha battuto nell’ordine Roberta Vinci, seconda testa di serie e campionessa uscente, l’israeliana Shahar Peer e in semifinale anche la spagnola Carla Suarez Navarro, terza testa di serie e numero 17 del mondo. Un risultato che fa ben sperare a pochi giorni dalla semifinale di Ostrava contro la Repubblica Ceca in Fed Cup: la Giorgi fa parte del quartetto azzurro insieme a Sara Errani, Roberta Vinci e Karin Knapp.

Camila, 23enne di Macerata, n.69 al mondo, autrice di un grande expolit poche settimane fa a Indian Wells, ora farà comunque un altro piccolo balzo in avanti in classifica, mentre per la 24enne francese Cornet, n.22 del mondo, si tratta del quarto torneo vinto in carriera.