Nessuna sorpresa a Wimbledon nella sesta giornata di sfide a Church Road, ma lo spettacolo non è mancato. In attesa degli ultimi due italiani rimasti, Andreas Seppi e Camila Giorgi, che scenderanno in campo sabato 4 luglio 2015 per un posto negli ottavi del torneo più prestigioso al mondo.

SERENA

Ha sofferto Serena Williams sul Centre Court di Wimbledon. E forse le è sembrato che svolazzassero attorno a lei i fantasmi della scorsa edizione, quando Alize Cornet la buttò fuori dal torneo proprio al terzo turno. Heather Watson è andata vicina a firmare l’impresa di giornata: dopo aver perso un primo set molto più combattuto di quanto non dica il punteggio, ha vinto il secondo parziale e, spinta dal tifo da stadio – ma sempre corretto – del pubblico è volata sul 3-0 nel set decisivo. A questo punto per la britannica è cominciata la saga delle occasioni mancate: per il 4-0, per il 4-1 e per il 4-2 prima che con una “zampata” da belva ferita la Williams la riagganciasse sul tre pari. La 23enne di Guemsey però non ha ceduto e dal 4-3 per Serena ha infilato un parziale di otto punti di fila che l’hanno proiettata sul 5-4 con il servizio a disposizione per chiudere il match. Per due volte Heather è arrivata a due “quindici” dal successo più importante della sua carriera, ma non è bastato. La Williams ha chiuso per 6-2, 4-6, 7-5 e negli ottavi ci sarà dunque la sfida con la sorella Venus. Il “sogno Grand Slam” di Serena, dunque, continua.

DJOKOVIC

Tutto come da pronostico con le vittorie – addirittura più facili del previsto – di Nole Djokovic su Tomic e di Stan Wawrinka (lo stato di forma del campione di Parigi è davvero notevole) su Verdasco, e tutto sommato prevedibile anche il successo di Kyrgios su Raonic, grazie anche a 34 ace. Da segnalare la vera e propria “lezione” impartita da Gasquet a Dimitrov, due giocatori che con il loro talento dovrebbero recitare ben altri ruoli, e la “prima volta” in un quarto turno Slam dello statunitense Kudla, infilatosi nell’”autostrada” liberatasi dopo il ritiro di Nishikori. Gasquest-Kyrgios è per ora l’ottavo di finale più interessante che si profila all’orizzonte.

TABELLONE FEMMINILE

Tra le donne, detto delle Williams sisters, hanno passato il turno anche Maria Sharapova, che non ha particolarmente impressionato, Lucie Safarova, che ha recuperato un set contro la Stephens, Vika Azarenka, la 18enne Belinda Bencic e la kazaka Zarina Diyas, che ha eliminato la tedesca Andrea Petkovic, quattordicesima testa di serie, raggiungendo per il secondo anno consecutivo il quarto turno ai Championships. Agli Ottavi interessante la sfida Azarenka-Bencic, in palio un posto contro la vincente del derby tra le Williams, nei quarti.

ITALIA

E adesso tocca a loro. Camila Giorgi al terzo turno affronterà la danese ex n.1 al mondo Wozniacki, oggi n.5, sempre pericolosa sull’erba. E’ il primo match previsto sul campo n.1, dalle 14 ora italiana. Avversaria difficile, non impossibile per Camila, per altro già battuta due volte in tre ‘scontri diretti’ dalla tennista di Macerata. Per Seppi, impresa proibitiva: di fronte ha Andy Murray, n.3 del mondo e del tabellone, vincitore qui nel 2013 e finalista nel 2012. E’ il terzo match sul campo centrale, il programma partirà alle 14 ora italiana.