L’ultrasecolare storia di Wimbledon è pronta a scrivere un nuovo capitolo con l’edizione 2016. Prenotare un posto fra il pubblico significa assistere in presa diretta ad alcuni fra i match più importanti dell’intera stagione tennistica. Andiamo a scoprire come acquistare i biglietti.

LA CODA, UNA TRADIZIONE “BRITISH”

Quattro i metodi tramite cui accaparrarsi un posto in platea. Il primo l’estrazione, già conclusa per quest’annata. Abitudine tipicamente inglese la coda. Migliaia di persone vengono fatte accomodare all’entrata del parco e ad ognuna viene data la cosiddetta “queue card”, cioè un biglietto contente data e numero. Il pass andrà consegnato ai tornelli di ingresso così da acquistare il ticket d’accesso ai campi. Fondamentale presentarsi molto presto, ben prima delle 8 di mattina.

I CANALI DI RIFERIMENTO

Terza modalità Ticketmaster, un sito web dove richiedere il giorno e il campo della partita di interesse. Ultima alternativa, i pacchetti ufficiali di ospitalità di Keith Prowse, comprensivi del soggiorno in un hotel di Londra. Per raggiungere la capitale inglese occorre prendere l’aereo. Cinque gli aeroporti: Heathrow, Gatwick, Stansted, Luton e The City. La più famosa compagnia low cost Ryanair, che arriva principalmente a Stansted, ma anche, in misura minore, a Gatwick e Luton. Una valida opzione, destinata chi vuole spendere poco, pure Easyjet con partenze da Milano, Roma, Venezia, Bologna, Napoli. Arrivi a Stanted e Gatwick. Infine la compagnia di bandiera British Airways con partenze da Milano, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Napoli, Olbia, Palermo, Pisa, Roma, Torino, Venezia e Verona. Una volta atterrati non ci resta che usare la metropolitana. Quella più vicina Southfields, sulla Distict Line. Circondati da cartelli e manifesti con il simbolo del torneo, vi ritroverete a camminare su un soffice manto di erba finta che simula quella dei campi. Basta una passeggiata di dieci minuti circa per giungere a destinazione.