Un set dominato, il primo, un altro ben più sofferto, il secondo; la chiusura solo al 7° match point. Ma poco importa o meglio, tutto è bene quel che finisce bene. Camila Giorgi, n.32 al mondo e fresca vincitrice del primo torneo WTA in carriera, a ‘s-Hertogenosch, sempre sull’erba, batte 6-0, 7-6 (7-5) la spagnola Lara Arruabarena, n.85 WTA, più a suo agio sulla terra rossa, e vola al terzo turno ai Championships di Wimbledon.

PARTITA

Match da Camila Giorgi, almeno quella attuale: forte, potenzialmente fortissima, ma ancora poco continua. Un primo parziale nettamente dominato, con il servizio che funziona perfettamente, tanti vincenti, pochi errori: 6-0 in 16′, certo aiutata anche dalla poca consistenza dell’avversaria. Arruabarena che si sveglia nel secondo set, va avanti 3-1 e 4-2, grazie a una maggior solidità al servizio e ai tanti errori, soprattutto in questo fondamentale, di Giorgi. L’azzurra, testa di serie n.31 a Church Road, reagisce, ritrova il suo gioco, mette a segno tre game consecutivi, vola 5-4 e 0-40 su servizio della spagnola, ma non riesce a portare a casa il match grazie alla bravura, in questo caso, di Lara. Sul 6-5 in suo favore, Camila fallisce il quarto match point, questa volta sbagliando nettamente una risposta di rovescio sulla seconda di servizio avversaria, ma per fortuna poi domina il tie-break, anche se le servono nuovamente altri tre palle match prima di chiudere (da 6-3 a 7-5). In generale, un buona Giorgi (otto doppi falli) che ora però dovrà alzare il livello del suo gioco visto che per entrare negli ottavi di finale, già raggiunti tre anni fa, dovrà ora vedersela con la danese Karoline Wozniacki, n. 5 WTA, con la quale conduce 2-1 nei confronti diretti.