Sara Errani e Roberta Vinci si confermano la coppia d’oro del tennis italiano, vincendo per la seconda volta consecutiva il torneo di doppio femminile agli Australian Open (foto by InfoPhoto), battendo in finale le russe Makarova-Vesnina per 6-3 3-6 7-5 in due ore e sei minuti di gioco. Un trionfo ancora più bello perché giunto al termine di una clamorosa rimonta (le russe era avanti 5-2 nel terzo set), e perché consente alle ragazze azzurre di mantenere la posizione numero uno nel ranking mondiale davanti proprio alle avversarie odierne, che peraltro le avevano battute negli ultimi due incroci, compresa la finale dell’ultimo Roland Garros.

Il match, come prevedibile, si è rivelato molto duro. Makarova-Vesnina, numero tre del seeding, si conferma una coppia dalla grande forza fisica, ma più fragili delle italiane, soprattutto quando la palla scotta. La Errani e la Vinci entrano meglio nel match, andando subito in fuga (5-1) e chiudendo il primo set senza mai soffrire. Poi il poderoso ritorno delle russe, che mettono a segno un parziale di 14 game a 5 e si ritrovano a condurre per 5-2 nel terzo set. Sembra finita, ma ancora una volta esce fuori l’enorme cuore delle piccole azzurre, che non sbagliano più un punto, rispondono con un controbreak di 20 punti a 5 e chiudono la contesa con un dritto della Vinci, portando a casa partita, torneo e primo posto nel ranking. Si tratta del quarto successo in uno Slam per le azzurre, dopo il Roland Garros e l’US Open del 2012 e il già ricordato Australian Open dell’anno passato. Le più forti al mondo sono loro.

LEGGI ANCHE:

Australian Open, il torneo maschile

Australian Open, il torneo femminile