Vincenzo Montella sta per diventare il nuovo allenatore della Sampdoria. Mancherebbe davvero poco. Segnali positivi filtrano dall’entourage doriano.

Su Twitter fa capolino anche l’ottimismo dell’ex presidente Enrico Mantovani, figlio del compianto Paolo: Vincenzo! Di meglio era impossibile

Nelle ultime ore è giunto anche il via libera da parte della Fiorentina, club al quale il tecnico era legato tramite una clausola rescissoria da 5 milioni di euro.

Manca solo l’ufficialità, ma l’ex aeroplanino può considerarsi il nuovo allenatore della Sampdoria: per lui è pronto un contratto che lo (ri)legherà ai colori blucerchiati fino al giugno del 2017.

Montella è balzato subito in cima alle preferenze di ferrero per il dopo Walter Zenga. C’era da superare, però, la clausola rescissoria da 5 milioni di euro che lega(va) Montella alla Fiorentina e che già in estate frenò le ambizioni di Milan e Napoli, molto interessate alle prestazione dell’allenatore partonepeo.

Nel pomeriggio di ieri la svollta. I Della Valle hanno concesso quasi subito il lasciapassare alla Samp, chiudendo così una vicenda, quella tra Montella e la Fiorentina, che andava avanti ormai dall’inizio dell’estate scorsa, quando Vincenzino lasciò, in mezzo ad uno strascico di polemiche, la casa viola.

Almeno sulla carta, restano in corsa per la panchina doriana anche Marcelo Bielsa e Francesco Guidolin, ma appare ormai scontato che sarà Vincenzo Montella a guidare la Sampdoria al ritorno del campionato, fermo per la sosta Nazionali.

Per Vincenzo Montella si tratterà di un omantico ritorno in un club che lo ha visto muovere i primi passi in serie A. Montella vestì il blucerchiato (proveniente proprio dai cugini del Genoa) dal 1996 al 1999: 83 presenze e ben 54 gol prima del trasferimento alla Roma.