Arturo Vidal (foto by InfoPhoto) e la Juventus proseguono insieme. Forse non fino al 2018, data in cui scadrà il nuovo contratto che il cileno si accinge a firmare, perché di questi tempi per i club italiani è difficile resistere alle lusinghe milionarie provenienti dall’estero, ma almeno per qualche stagione. Nei prossimi giorni, Marotta incontrerà il giocatore e gli proporrà un prolungamento biennale dell’attuale contratto in scadenza nel 2016, a cifre quasi raddoppiate: dai 2,7 a 4 milioni di euro più bonus.

Di braccio di ferro non si può certo parlare, visto che entrambi gli arti remavano nella stessa direzione, ma comunque è possibile indicare il cileno come vincitore. D’altra parte, la storia insegna come sia inevitabile la dinamica degli aumentini ogniqualvolta un top player viene corteggiato da club più ricchi e potenti: e Vidal piace, piace moltissimo, in Bundesliga come in Premier League. Per cui, fondamentalmente, hanno vinto tutti. Il giocatore, ovviamente, ma anche la Juventus, che conferma il suo pezzo più richiesto sul mercato; e, infine, i tifosi, che da tempo hanno eletto il guerriero cileno come uomo-franchigia della squadra, più di qualunque altro possibile nuovo acquisto.