Il sogno è realtà: Flavia Pennetta è in Finale agli US Open. In semifinale domina la n.2 del tabellone e del mondo, la rumena Simona Halep, per 6-1, 6-3 in una partita che sulla carta si annunciava equilibrata e lunga e di fatto è stata un monologo della brindisina, mai così precisa, costante, poco fallosa in carriera. Perfetta al servizio, nelle scelte tattiche, con il suo rovescio in lungo linea, con le palle corte, con le accelerazioni. Insomma, impeccabile. Prima Finale Slam della carriera per lei, al 49esimo tentativo, e prima italiana a raggiungere l’ultimo atto a Flushing Meadows. Un’ora di gioco…

PRIMO SET

Tre game di studio, in cui il punteggio segue il servizio, poi Flavia Pennetta scappa via dal 2-1 al 6-1 in un primo parziale senza storia, 28′ con un ace, sette vincenti, buonissime percentuali al servizio, pochi errori e un’avversaria che clamorosamente non è in campo, perché sbaglia tutto il possibile: Halep. La brindisina fa il suo: accelera quand’è il momento, è solida in battuta, si apre il campo con il suo meraviglioso rovescio bimane, regge il ritmo della rumena e soprattutto è costante e concentrata.

SECONDO SET

Halep ha un sussulto: vola 3-1 a inizio secondo parziale, strappando il servizio a Flavia. E’ un fuoco di paglia, Pennetta reagisce subito e infila cinque giochi consecutivi lasciando tre punti alla rivale giocando un tennis superlativo. A tratti sembra Serena Williams, dice Mats Wilander. Pazzesco. Pennetta in finale agli US Open!