Una brutta notizia, di quelle che non vorremo mai leggere o riportare: la versione online del quotidiano uruguagio Ovacion riporta che Óscar Washington Tabárez, attuale commissario tecnico dell’Uruguay nonché vecchia conoscenza della nostra Serie A in qualità di ex allenatore di Cagliari (nel 1994-95 con ritorno nel 1999) e Milan (nel 1996) sarebbe afflitto dalla sindrome di Guillain-Barrè, una patologia piuttosto rara che colpisce il sistema nervoso per via batterica o virale. Questa malattia comporta disturbi ai muscoli delle gambe, del tronco e delle braccia, interessando anche le funzioni respiratorie e cardiache.

Le prime manifestazioni della malattia arrivano con debolezza e formicolio alle gambe, che possono diffondersi per le braccia e il tronco. Lo sviluppo dei sintomi della sindrome di Guillain-Barrè solitamente si verificano in maniera piuttosto rapida (anche in poche ore) e causa intorpidimento nel corpo, dolori muscolari e mancanza di coordinazione nei movimenti, fino a provocare persino la paralisi quasi totale della persona. Queste drammatiche rivelazioni spiegano dunque alcune scene viste durante la recente Copa America: il commissario tecnico dell’Uruguay, che per camminare utilizzava un bastone, ha diretto gli allenamenti della celeste a bordo di una sedia a motore, la stessa che si è vista durante le partite della sua nazionale negli Stati Uniti. Qualora la notizia dovesse ricevere conferme, la carriera di Tabárez (69 anni) sarebbe dunque a forte rischio.

Il Milan, una volta appresa questa triste notizia (della quale però aspettiamo conferme ufficiali) ha immediatamente espresso la propria vicinanza al suo ex allenatore con un messaggio d’incoraggiamento apparso sul sito ufficiale rossonero: «Il Maestro Tabarez è stato con noi pochi mesi – si legge -, ma il Milan non ha dimenticato la sua competenza e la sua professionalità. In attesa degli approfondimenti medici sulla sindrome che lo ha colpito durante la Copa America, un pensiero affettuoso e solidale. Forza Maestro!»