La telenovela è finita, anche se ormai da settimane era chiaro a tutti che sarebbe finita così. Oggi è arrivata l’ufficialità, Zlatan Ibrahimovic va al Manchester United. Ad annunciarlo pochi minuti fa è stato lo stesso giocatore, tramite il suo profilo Instagram: ha postato il logo dei Red Devils e una breve fase come didascalia: «È ora che il mondo sappia: la mia prossima destinazione è il Manchester United. Arrivo».

Come dicevamo in apertura, l’annuncio di Ibrahimovic non ha sorpreso più di tanto, anzi era nell’aria già da qualche settimana. Tutti pensavano che avrebbe annunciato la sua prossima squadra durante la conferenza stampa convocata il 7 giugno, prima dell’inizio degli Europei, ma Ibra spiazzò tutti parlando solo della sua azienda d’abbigliamento. La sorpresa vera e propria, semmai, è la modalità dell’annuncio: per la prima volta è stato il giocatore ad annunciare la squadra e non viceversa. Attendiamo dunque ora l’ufficialità anche da parte del Manchester United, per avere ragguagli sulla durata del contratto, che dovrebbe essere di una sola stagione.

José Mourinho, nuovo allenatore dei Red Devils, ritroverà dunque il campione con cui ha condiviso il primo anno nerazzurro: nel 2009 Ibrahimovic passò al Barcellona e l’Inter ebbe come contropartita Eto’o, che insieme a Milito formò una formidabile coppia con cui la società nerazzurra conquistò lo storico “triplete”, con il portoghese in panchina. Lo United il prossimo anno non giocherà la Champions, ma l’obiettivo minimo, chiaramente, è quello di tornare subito nell’Europa che conta.