Un week-end fondamentale per la categoria dei pesi welter UFC, ad affrontarsi nell’ottagono saranno infatti il canadese Rory MacDonald e Stephen “Wonderboy” Thompson, rispettivamente numero 1 e numero 2 nei ranking. Il primo ha già avuto l’opportunità di un title shot contro il campione in carica Robbie Lawler e dopo una cruenta battaglia nell’ottagono è stato sconfitto per KO tecnico. La battaglia tra i due è stato uno dei match più cruenti andati in scena lo scorso anno in UFC, risale infatti al luglio 2015.

Da quella notte MacDonald non ha più combattuto, mentre Lawler ha difeso il suo titolo contro Carlos Condit, vincendo per decisione non unanime. Thompson invece si è guadagnato l’attenzione da parte della UFC con la sua schiacciante vittoria contro l’ex campione dei welter Johny Hendricks che è stato piegato per KO tecnico al primo round dopo essere stato malmenato con calci e pugni da Wonderboy.

In molti si sarebbero aspettati subito un title shot per Thompson ma i matchmaker della Ultimate Fighting Championship hanno preferito uno scontro con MacDonald per saggiare davvero le capacità di Wonderboy. Il combattimento sarà certamente interessante a livello stilistico: Rory MacDonald ha un ottimo striking ma anche una lotta a terra di altissimo livello, Thompson invece privilegia il controllo della distanza in piedi e l’uso dei calci. Non è facile prevedere come potrà andare l’incontro, e lo testimoniano anche i bookmaker che danno una quasi parità tra i due. A mio avviso MacDonald però è avvantaggiato perché più completo tecnicamente, inoltre il fighter canadese ha affrontato e battuto avversari di altissima caratura. Tra questi basterebbe citare Tyron Woodley (chiamato a sfidare in un match titolato a UFC 201 l’attuale campione Robbie Lawler) Demian Maia, B.J. Penn o Nate Diaz per capire il talento di Rory. Se saprà accorciare la distanza con Thompson, neutralizzando soprattutto i suoi calci, e se riuscirà a portarlo a terra allora il fighter canadese potrà vincere questo match e aspirare a un nuovo match titolato contro il vincente tra Lawler e Woodley.

Tuttavia Thompson non va sottovalutato e potrebbe regalare un upset, non sarebbe il primo negli ultimi mesi in UFC, magari arrivando a una decisione unanime contro MacDonald o addirittura finalizzando il canadese con un KO tecnico come già avvenuto contro Hendricks. I mezzi di certo non gli mancano, e la sua striscia di 6 incontri consecutivi vinti parla da sola.

L’altro match degno di nota della main card UFC, in scena ad Ottawa nella notte tra sabato e domenica, è Donald “Cowboy” Cerrone contro Patrick Cote. Anche in questo caso siamo nella categoria dei welter, con un outsider proveniente dalla categoria leggeri come Cerrone che vuole guadagnare posizioni anche nella categoria al limite delle 170 libbre (77 Kg) dove ha esordito con una vittoria per sottomissione ai danni di Alex Oliveira.

Il match sarà molto interessante per capire quanto Cerrone possa scalare posizioni nella divisione, Cote è infatti un osso molto duro, con un knockout power di tutto rispetto e un ottimo assorbimento dei colpi che gli ha permesso di non essere mai messo KO in carriera. L’ultima sconfitta di Cote risale al 2014 ed è avvenuta proprio per mano di quel Wonderboy Thompson che nella stessa serata dovrà guadagnarsi il suo title shot nella divisione dei welter.

Insomma gli elementi di interesse per gli amanti delle arti marziali miste non mancano in entrambi i match, e alla qualità degli incontri va anche aggiunto che la categoria dei welter è quella dove si affronteranno Conor McGregor e Nate Diaz per un rematch tra i più attesi dell’anno, un motivo in più per studiare le skill dei possibili avversari di Notorious, sempre che decida di rimanere in questa categoria di peso.

La diretta dell’incontro verrà trasmessa da Fox Sports HD, canale 204 di Sky, a partire dalle 4:30 di stanotte, con telecronaca di Alex Dandi.