Stanotte si fa la storia dell’UFC con 12 match che si preannunciano interessantissimi per qualsiasi fan delle arti marziali miste. Anche se il numero 1 al mondo pound for pound Jon Jones ha provato a rovinare la festa di UFC 200 facendosi trovare positivo ad un test anti doping, ed è stato quindi escluso dalla card di stanotte,  il piatto rimane comunque ricchissimo. Anzi per certi versi ci sarà ancor più spettacolo con il match combinato nelle ultime ore tra il campione pesi massimi leggeri Daniel Cormier e Anderson Silva, da molti considerato il più grande fighter della storia delle mixed martial arts.

Gli incontri di stanotte verranno tutti trasmessi in diretta da Fox Sports, canale 204 di Sky, che per la prima volta non si limiterà a mostrare quelli della main card. Al commento a partire dalle  0:25 ci sarà Alex Dandi, affiancato questa volta da altre voci che andranno ad impreziosire la telecronaca. Accanto a Dandi ci sarà Marvin Vettori, fortissimo fighter italiano che debutterà ad agosto in UFC 202, e Luca Franchini e Michele Posa, due voci note delle telecronache WWE.

Ogni match della card è molto interessante ma ecco secondo noi quali sono i 5 match di UFC 200 da non perdere assolutamente:

1) Brock Lesnar vs Mark Hunt: inutile girarci intorno, tutti i fan delle MMA aspettavano il ritorno nell’ottagono di Brock che era presente anche ad UFC 100 nel 2009, dove inflisse una sonora sconfitta a Frank Mir. Non sappiamo quali siano le condizioni fisiche di Lesnar e se saprà assorbire i colpi di Mark Hunt, uno dei più temibili hard hitters della divisione pesi massimi, di sicuro però è il match più atteso, speriamo che le aspettative siano ripagate da un incontro che vada oltre i primi due round.

2) Miesha Tate vs Amanda Nunes: per il titolo pesi gallo femminile si affrontano due donne che picchiano veramente duro. La neo campionessa Tate saprà difendere il titolo dopo la straordinaria vittoria contro Holly Holm?

3) Cain Velasquez vs Travis Browne: lotta tra pesi massimi dalle caratteristiche atletiche e tecniche di altissimo livello. Browne è superiore nell’allungo e potrebbe dare più di una noia all’ex-campione pesi massimi Cain Velasquez che cerca ancora riscatto dopo aver perso la cintura contro Fabricio Werdum ( che l’ha poi persa contro il neo campione Stipe Miocic).

4) Jose Aldo vs Frankie Edgar: nei pesi piuma si affrontano i due più forti atleti della divisione, il vincitore avrà una chance contro il campione in carica Conor McGregor, sempre che l’irlandese si decida a tornare nella sua categoria di peso e non voglia continuare nei leggeri o nei welter. Tra Aldo e Edgar è difficile prevedere chi vincerà, il brasiliano ha già battuto Edgar una volta e dovrà bissare in questo match che significa moltissimo per la sua carriera dopo il bruttissimo knockout subito da McGregor.

5) Diego Sanchez vs Joe Lauzon: una battaglia, non ci aspettiamo di meno da due atleti che danno sempre spettacolo e non si risparmiano dentro l’ottagono. Sanchez in particolare se sarà in forma potrebbe regalare agli spettatori scambi a viso aperto all’ultimo colpo, e Lauzon non è da meno quanto a spettacolarità.

Volutamente non abbiamo inserito Daniel Cormier vs Anderson Silva, entrambi sono fighter di un livello talmente alto che dovrebbero sempre competere in match titolati o idonei ad ottenere un title shot, sono decisamente sprecati in un incontro che non ha nessun valore, se non quello di dare spettacolo. In questo caso ha prevalso la voglia degli organizzatori UFC di salvare la card dopo l’uscita imprevista di Jon Jones, ma visto il numero e la qualità dei match si sarebbe anche potuto evitare di impegnare due atleti del genere.