Le gare dalla piattaforma chiudono la terza e ultima giornata dei Campionati italiani Assoluti indoor di tuffi, Trieste 2015, dalla piscina Karl Dibiasi di Bolzano. Come sempre, i tuffatori, a seconda anche di età e programma, si cimentano da varie altezze: 5m, 7,5m, 10m. Le prove sono valide come ultimo test di qualificazione per gli Europei di Rostock (giugno 2015) e come seconda per i Mondiali di Kazan (fine luglio 2015).

DONNE

La gara femminile vede solo due rappresentanti tuffarsi sempre dai 10m, Tramentozzi e Noemi Batki, figlia d’arte, che della specialità è stata anche campionessa d’Europa nel 2011 nonché più volte medagliata a livello continentale e finalista olimpica. Bertocchi salta dai 5m, Chiara Franco, anche lei Canottieri Milano e con un lungo passato da ginnasta, si alterna tra 5m e 7,5. Batki, reduce da buone prove nelle World Series (è stata anche finalista, e poi medagliata al Grand Prix dalla piattaforma 10m synchro misto con Verzotto), sbaglia pesantemente il 6243D, ovvero il doppio salto mortale indietro con un avvitamento e mezzo, prendendo solo 28,80 punti. Per Bertocchi, sempre dai 5m, l’errore arriva sul 5233D, un salto morale e mezzo, indietro, con un avvitamento e mezzo, per 37,50, dopo tre buone esecuzioni. Ottima chiusura anche con il 205B, il doppio e mezzo avanti carpiato. Ma Noemi vince comunque senza problemi, con 252,70, non un grande punteggio in ogni caso. Seconda la milanese Bertocchi con 233,15. terza Chiara Franco, con 203,15.