Sono trascorsi 29 anni dalla tragedia dell’Heysel. Era il 29 maggio 1985 quando nello stadio di Bruxelles (Belgio) era in programma la finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool.

Nella capitale belga erano giunti da tutto il continente tifosi bianconeri per sostenere la loro squadra a caccia del suo primo sigillo nella massima competizione europea. Quella che doveva essere un giornata di festa si trasformò in un’autentica tragedia. I famosi Hooligans, i tifosi inglesi più accessi, un’ora prima della gara si dirigono verso il settore Z, occupato dai supporter juventini e iniziano a premere contro le reti divisorie. Per sfuggire alla furia degli Hooligans, i bianconeri si ammassano contro il muro della curva opposta provocandone il cedimento strutturale e la conseguente tristissima tragedia: 39 vittime.

La partita si disputò lo stesso e la Vecchia Signora trionfò 1-0 grazie a un rigore di Platini, ma certamente non fu festa.

Ecco come il sito della Juventus ha voluto commemorare questo giorno del silenzio:

Il 29 maggio è giorno del silenzio, della memoria, della commozione. Non può esserci spazio per altro dal 1985, quando allo stadio Heysel di Bruxelles si consumò la tragedia che ha segnato per sempre 39 famiglie, la Juventus e chiunque ami il calcio. Il ricordo delle vittime innocenti, strappate ai loro cari da quell’assurda follia, ci accompagna sempre, da ventinove anni. Oggi è il momento della preghiera, ma ogni giorno sentiamo il dovere di onorarne la memoria. E quel mazzo di fiori deposto ai piedi del monumento di Reggio Emilia lo scorso 28 aprile, le stelle dello Stadium o la parte del J-Museum dedicata, sono il nostro modo di dire loro: ‘Non vi dimenticheremo mai.’

Ecco come l’account Twitter del Liverpool vuole ricordare questo orrendo avvenimento:

LEGGI ANCHE:

Nuova maglia Roma 2014/2015: la Nike si ispira alla tradizione e alla storia

le foto di Tevez a Walt Disney World