Sarebbe già finita, dopo meno di quattro mesi e una misera rete, l’avventura di Fernando Torres al Milan. Dalla Spagna sono certi: il Niño è a un passo dal grande ritorno all’Atletico Madrid, il club che lo aveva lanciato e di cui è tifoso. Questa mattina, scrive il quotidiano madrileno Marca, la dirigenza biancorossa e quella del Chelsea, tuttora proprietario del cartellino, e con il benestare del Milan, avrebbero preso i primi contatti per cercare di intavolare una trattativa che, qualunque sia la formula scelta (un secondo prestito oppure una risoluzione del contratto), non dovrebbe presentare grossi ostacoli e farebbe felici tutte le parti in causa: i tre club e il giocatore stesso.

A dire il vero, scrive Marca, un ostacolo ci potrebbe essere: l’ingaggio di Torres. Lo spagnolo percepisce 4 milioni di euro all’anno dal Milan, ma il suo contratto con il Chelsea recita 10 milioni di euro, una cifra che l’Atleti non vuole (e non può) avvicinare nemmeno alla lontana. Tuttavia, è difficile immaginare che il Niño, già disposto ad abbassarsi gli emolumenti pur di lasciare Stamford Bridge, si metta a questionare con il club del suo cuore.

Rimane il terzo incomodo, ovvero il Milan. Marca non menziona nulla a proposito, ma è chiaro che i rossoneri vorrebbero guadagnarci qualcosa, come ammette As: per la precisione, un canale preferenziale per giungere ad Alessio Cerci.