Terza vittoria consecutiva in campionato per il Milan, che al termine della consueta rimonta batte il Torino per 4-2 e consolida il proprio ritorno nelle zone nobili della classifica, dopo un gelido autunno trascorso a sopravvivere nei sobborghi. Alla rete iniziale di Santana, favorito da un folle retropassaggio di Nocerino, i rossoneri hanno risposto con una magia di Robinho in chiusura di primo tempo, per poi scatenarsi nella ripresa col redivivo Nocerino, con Pazzini e con l’immancabile zampata del Faraone. Unica, pessima notizia di giornata (il litigio Mexes-Robinho può essere derubricato con serenità), il gravissimo infortunio occorso a Nigel De Jong dopo una ventina di minuti: rottura del tendine d’Achille e stagione praticamente finita per il mediano olandese.

Tuttavia, per una volta, a far notizia non è tanto una larga vittoria del Milan, quanto la presenza in tribuna, al fianco di Adriano Galliani, di Liu Yongzhuo, presidente del Guangzhou Evergrande, squadra allenata da Marcello Lippi. Il nome del supermilionario cinese è da qualche settimana accostato al Milan come possibile, nuovo investitore, anche se ancora resta da stabilire se come sponsor o come azionista. L’ambasceria di questi giorni è a scopo puramente perlustrativo, ma, come lo stesso Berlusconi ha ammesso nei giorni scorsi, potrebbe esserci presto qualche novità. Al netto, ovviamente, delle solite strategie elettorali.