Carlitos Tevez si becca il tapiro d’oro da Striscia la Notizia dopo l’episodio che in settimana lo ha visto, suo malgrado protagonista, lontano dal terreno di gioco. A poche ore dall’impresa contro il Real Madrid, l’attaccante argentino è stato fermato da una pattuglia della stradale per eccesso di velocità (un vizio che il bomber ha, evidentemente, non solo in campo) con conseguente ritiro della patente.

L’accaduto ha spinto l’inviato di Striscia la Notizia Valerio Staffelli ad effettuare una delle sue incursioni, raggiungendo l’Apache a Torino: così, per una patente che se ne va, ecco un tapiro che arriva.

Tevez ci scherza su: “Andavo in bici, non in auto!”. Staffelli chiede lumi sul tackle della polizia: “Ero in autostrada ed erano le 3 del mattina. Stavo percorrendo un tunnel, hanno messo all’improvviso questo cartello che segnava il limite dei 70 orari”.

Beh, magari quel segnale già c’era. Non è stato certo messo a discapito di Carlitos Tevez. Ma tant’è. “Non mi sono accorto del limite orario”, le parole dello juventino, che trovano la battuta (un rigore a porta vuota) di Staffelli. (“i tunnel vanno fatti quando si è in campo, non in autostrada”).

Tevez prende il tutto con filosofia e ci ride su. Il motivo dell’eccesso di velocità? “Stavo pensando ancora alla partita con il Real Madrid e non ho visto il cartello sull’autostrada”.

L’argentino resterà senza patente di guida per un mese. L’inviato del programma di Antonio Ricci ricorda poi che un episodio simile gli accadde già in Inghilterra (ai tempi della militanza con il Manchester City), quando fu addirittura sottoposto agli arresti.

“Ma in Inghilterra la patente non ce l’avevo proprio”, corregge il calciatore (e giù un’altra risatina).

Ma insomma, a quanto andava Tevez mentre percorreva il traforo del Monte Bianco? “Non correvo tantissimo. Solo 120 chilometri orari. Ma vado veloce anche in campo, però, non solo in autostrada”. Senza patente, Tevez è ora costretto ad affidarsi èper gli spostamenti ad un autista: “C’è un mio amico che mi dà una mano”.

“Se vuole c’è Ezio Greggio che è tifosi della Juve”, la risposta di Valerio Staffelli, che gli ricorda come, al contrario di quelli conquistati in campo, lui sulla patente non ne abbia più nessuno.

Infine, l’indiscrezione di calciomercato. Tevez respinge al mittente le voci di un imminente ritorno in paria (si parla di Boca Juniors) svelando l’intenzione di rimanere ancora bianconero. “Resto per vincere ancora”. Magari evitando di salutare ancora la patente.