Le rivelazioni della Bbc hanno sconvolto il mondo del tennis. Secondo l’emittente inglese, lo scandalo scommesse ha finito per coinvolgere anche match che hanno visto protagonisti giocatori appartenenti ai vertici della classifica Atp.

Poco dopo la notizia choc sono arrivate le dichiarazioni clamorose di Novak Djokovic. Il tennista serbo ha dichiarato di essere statoal centro di una tentata combine.

“Era il 2007 e partecipavo al torneo di San Pietroburgo. Attraverso alcune persone del mio staff ci fu chi provò a farmi perdere un match. Naturalmente il tipo che avrebbe voluto avere un colloquio con me è stato subito allontanato, io non l’ho neanche visto so solo che erano disposti a pagare 200mila dollari”, ha dichiarato Djoko al termine dell’incontro vinto contro il sudcoreano Chung Hyeon agli Australian open.

“In maniera diretta non sono mai stato avvicinato.A proposito di questo crimine dello sport non posso dire di più. Negli ultimi sei o sette ani non ho più sentito voci del genere”.

Per quel che ne so, certi episodi a livello di grandi giocatori non sono mai esistere. Forse è potuto capitare qualcosa sui campi Challenger, ma questo non posso saperlo.

“L’unica considerazione che posso fare è che tutta questa vicenda mi fa stare molto male perché credo nello sport puro. Voglio che il mio nome non finisca insieme a chi, in maniera diretta o indiretta, inquina il tennis”.

Secondo la Bbc, almeno 16 dei primi 50 tennisti al mondo sono stati coinvolti in partite truccate, valide per i tornei del grande slam. Una notizia che ha spiazzato il pianeta della racchetta, che in questi giorni sta vivendo l’Australian Open.