A Rio de Janeiro, come da pronostico… del tabellone (era testa di serie n.1) Sara Errani va a prendersi il titolo WTA n.8 della sua carriera, interrompendo un digiuno di due anni esatti.

RIO

Dopo aver lasciato per strada un solo set in tutto il torneo, Errani ha conquistato il “Rio Open”, torneo Wta International dotato di un montepremi di 250mila dollari che si è concluso sulla terra rossa di Rio de Janeiro, in Brasile, battendo in finale per 7-6(2), 6-1, in un’ora e 53 minuti, la slovacca Anna Schmiedlova, vent’anni, numero 75 Wta e sesta testa di serie.

DICHIARAZIONI

“Sono felicissima per questo successo. Sapevo che per vincere avrei dovuto essere aggressiva il più possibile e spingere su ogni colpo. Ed è andata bene”, ha commentato Sara a caldo. “E’ stata una settimana davvero dura, ma questo torneo è speciale e qui sono stata benissimo”, ha aggiunto dopo aver ricevuto il trofeo dalle mani di una leggenda come Maria Esther Bueno. Ottavo titolo per lei, come detto, su 17 finali disputate, il primo da due anni a questa parte (Acapulco 2013).