Per la prima volta in carriera, per giunta sulla terra rossa, Fabio Fognini è riuscito a battere Rafael Nadal, contro il quale aveva perso quattro volte in passato. Il tennista italiano raggiunge così la finale del “Rio Open“, torneo Atp 500 dotato di 1.414.550 dollari di montepremi in corso sui campi in terra rossa di Rio de Janeiro, in Brasile. Affronterà un alto spagnolo, David Ferrer, già finalista in passato al Roland Garros.

PARTITA

Il 27enne di Arma di Taggia, numero 28 Atp e quarta testa di serie, reduce dalla maratona con l’argentino Federico Delbonis (7-6 al nono match-point, dopo un’incredibile battaglia durata oltre tre ore), si è imposto in tre set: 1-6, 6-2, 7-5 dopo due ore e 17 minuti. I numeri dicono che Fabio ha collezionato ben 32 vincenti a fronte di 27 errori gratuiti. Soprattutto, è stato molto lucido sulle palle break a favore (ne ha trasformate cinque su nove) e ne ha cancellate tre (molto pericolose) in avvio di terzo set.

DICHIARAZIONI

“Sono felice di aver battuto il giocatore più forte del mondo sulla terra rossa – ha detto il ligure – Rafa è sempre difficile da affrontare. Dal secondo set ho espresso un gran tennis, ho provato a cambiare qualcosa e a essere più aggressivo e positivo in campo. Ora voglio godermi questa vittoria, ma ovviamente già penso alla finale in cui dovrò lottare contro Ferrer, che mi ha sempre battuto nelle sfide precedenti”.