Il prossimo 27 giugno verrà decisa dal Consiglio di Lega la sede della prossima Supercoppa Italiana tra Juventus e Lazio. Lo ha annunciato Maurizio Beretta, presidente di Lega Calcio, ai microfoni di Sky, sottolineando come non sia in discussione la data (18 agosto), vista la mancanza di date disponibili. A meno che, dice lo stesso Beretta, non si trovi una soluzione condivisa anche prima del 27, eventualità auspicabile anche per mettere fine al vortice polemico tra Lotito e il club bianconero.

La volontà della Juventus di non giocare a Pechino aveva infatti mandato su tutte le furie il presidente biancoceleste, che a suo dire aveva rinunciato a una danarosa tournée in Sudamerica pur di mettere le mani sul cospicuo obolo dagli occhi a mandorla, la “somma garantita” riservata dagli organizzatori cinesi ai club partecipanti. Lotito (foto by InfoPhoto), fedele al suo stile bellicoverboso, è arrivato a ventilare una richiesta danni ai bianconeri, che per tutta risposta hanno ricordato al numero uno della Lazio che la conquista della Coppa Italia non dà diritto ad alcuna “somma garantita”.

La Juve vorrebbe giocare a Torino, ipotesi che, anche giustamente, Lotito non vuol nemmeno sentir formulare (anche perché, per capienza, lo Juventus Stadium non consentirebbe di massimizzare gli introiti). E così, la “soluzione condivisa” auspicata da Beretta potrebbe essere Milano, pur con un grosso punto di domanda: la Supercoppa è in programma per il 18 agosto, 2-3 giorni prima dell’andata dei playoff di Champions League del Milan. Non è detto che i rossoneri debbano giocare in casa il match di andata, ma questo lo si saprà solo il 9 agosto, giorno del sorteggio. Un ostacolo non da poco, ma di alternative concrete al momento non se ne vedono.