Pep & Mou, ancora voi. È tempo di Bayern Monaco-Chelsea, è tempo di Supercoppa Europea, opulenta anticamera della nuova stagione di calcio europeo, ma è soprattutto tempo della più intensa rivalità panchinara nella storia del gioco moderno, ovviamente dopo quella tra Ciro Ferrara e Gigi Maifredi. Si gioca allo stadio Eden di Praga, una prima volta dopo 15 anni di Montecarlo. È tutt’altro una prima volta, invece, la sfida nella sfida tra Pep Guardiola e José Mourinho (foto by InfoPhoto), uno la nemesi dell’altro.

Passano gli anni, cambiano i club, ma il braccio di ferro continua. La gara di questa sera, peraltro, promette di essere il fedele calco degli scontri precedenti: una squadra iperoffensiva, il Bayern, al comando di Pep il Magnifico, e una squadra da trincea, il Chelsea agli ordini dell’ayatollah di Setubal. Negli anni scorsi si è divertito più Guardiola, che ha perso solo 3 volte contro il rivale portoghese e gli ha rifilato qualche umiliazione storica, come la celeberrima manita del novembre 2010 e l’eliminazione dalla Champions League nella semifinale dello stesso anno. D’altra parte, le vittorie di José sono state forse più pesanti: la semifinale del 2010 con l’Inter, la vittoria nella Coppa del Re e la Liga strappata ai rivali in casa loro. Alla vigilia di Bayern-Chelsea, entrambi hanno deciso di tenere i toni bassi. Guardiola, addirittura, ha definito Mourinho “un allenatore super”. Ma non ci crede nessuno. Questi due, come Batman e Joker, sono “destinati a lottare per sempre”.