Giornata importante, in casa Roma. Oggi è stata ufficialmente consegnata al Comune e alla Regione Lazio la documentazione definitiva per il progetto dello stadio, che sorgerà, se tutto andrà bene, nella zona di Tor di Valle. «Questo è un giorno importante per lo stadio della Roma e per il progetto Tor di Valle – ha commentato James Pallotta, presidente del club giallorossoIl progetto apporterà un significativo impatto economico e sociale per la squadra, per i tifosi, per la città e per il Paese – aggiunge l’imprenditore americano, che sbarcherà nella Capitale nel weekend -. Per finalizzare la documentazione è stato fatto un lavoro incredibile, adesso aspettiamo di poter muovere il prossimo passo e costruire uno stadio di cui Roma può andare fiera».

Nella giornata odierna sono stati consegnati i documenti, sia in formato cartaceo che in formato elettronico, che contengono oltre 3.500 disegni progettuali e più di 50.000 pagine con relazioni specialistiche. Il club, nella nota che compare sul sito ufficiale della società, sottolinea che il dossier definitivo è frutto del lavoro congiunto e delle competenze di oltre 500 specialisti del settore, tra ingegneri, architetti e consulenti appartenenti a più di 50 studi professionali nazionali e internazionali.

Secondo il Managing Director di Stadio della Roma, David Ginsberg, «La consegna della documentazione del progetto segna un momento storico per l’Italia e la Capitale. Il Progetto Tor di Valle creerà nuovi posti di lavoro sul territorio, promuovendo e attraendo investimenti stranieri nei prossimi anni».

La prossima tappa prevede il passaggio formale del progetto dall’amministrazione comunale (Roma Capitale) alla Regione Lazio. Da quel momento, ci vorranno un massimo di 180 giorni per avere l’approvazione finale del progetto. Una volta ottenuta, servirà la delibera della Giunta Regionale, con la quale verrà finalmente autorizzata la costruzione del nuovo impianto della Roma: da quel momento potranno iniziare i lavori per la realizzazione del progetto.

«È un giorno importante e di grande soddisfazione, – ha aggiunto Luca Parnasi, socio del presidente Pallotta nella realizzazione dello stadio – ringrazio tutti i team e i professionisti che hanno contribuito a realizzarlo. È la dimostrazione di come, anche nella nostra città, si possano immaginare e sviluppare idee di qualità in modo da poter attrarre sia rinomati talenti sia investitori di caratura internazionale. Abbiamo voluto un progetto all’avanguardia sotto tutti gli aspetti, in primo luogo quello ambientale. Vogliamo proiettare Roma verso una nuova fase di lavoro e di crescita, avvicinandola sensibilmente alle altre capitali d’Europa».