Si sono appena conclusi i sorteggi di Champions League al Grimaldi Forum di Montecarlo. Urna a due facce per le squadre italiane: sorride la Juventus, abbinata sì all’Atletico Madrid campione d’Europa ma anche a due squadre sicuramente abbordabili come Olympiacos e Malmoe; decisamente meno fortunata la Roma, inserita in uno dei peggiori gironi possibili, in compagnia di due corazzate come Bayern Monaco e Manchester City e di una squadra insidiosa (soprattutto in casa) come il CSKA Mosca. Per ciò che riguarda le altre, da segnalare il duello Real Madrid-Liverpool (15 coppe in 2) nel gruppo B e quello tra Barcellona e PSG nel gruppo F. Molto equilibrati, e livellati verso il basso, sembrano i gruppi C e H. Ecco il quadro completo dei gironi:

Gruppo A: Atletico Madrid, JUVENTUS, Olympiacos, Malmoe

Gruppo B: Real Madrid, Basilea, Liverpool, Ludogorets

Gruppo C: Benfica, Zenit, Bayer Leverkusen, Monaco

Gruppo D: Arsenal, Borussia Dortmund, Galatasaray, Anderlecht

Gruppo E: Bayern Monaco, Manchester City, CSKA Mosca, ROMA

Gruppo F: Barcellona, PSG, Ajax, APOEL

Gruppo G: Chelsea, Schalke 04, Sporting Lisbona, Maribor

Gruppo H: Porto, Shakthar Donetsk, Athletic Bilbao, BATE

18.42: Roma sfortunatissima, è nel girone con Bayern Monaco e Manchester City

18.38: ottimo sorteggio per la Juventus, abbinata ad Atletico, Olympiacos e Malmoe

18.34: è il momento della Roma

18.32: è il turno di un’altra leggenda del Real Madrid: sarà Francisco Gento, il giocatore che ha vinto più Coppe Campioni nella storia, a sorteggiare i nomi dell’urna 4

18.29: è l’Olympiacos la terza squadra inserita nel girone della Juve

18.24: sta per iniziare il sorteggio dell’urna 3

18.22: Hierro saluta e lascia spazio a un altro cuore blanco, suo compagno di tante battaglie: Manuel Sanchis, capitano nella vittoriosa finale del 1998 contro la Juve

18.21: la Juventus è stata inserita nel gruppo A, quello dell’Atletico Madrid come testa di serie

18.15: riparte il sorteggio dall’urna 2, quella della Juventus

18.14: Hierro sulla finale di Glasgow: “Fu un’emozione incredibile, così come incredibile fu il gol di Zidane”

18.12: si è concluso il sorteggio delle teste di serie, Casillas lascia il palco a Fernando Hierro, altro madridista che ha alzato una coppa da capitano (nel 2002)

18.06: è cominciato il sorteggio, tocca a Casillas e Riedle abbinare le teste di serie agli otto gruppi

18.04: Infantino ricorda le due novità di quest’anno: l’introduzione della bomboletta spray per gli arbitri e la cancellazione dei cartellini gialli dopo i quarti di finale

18.02: si avvicina il momento del sorteggio, Gianni Infantino sta facendo il recap delle procedure di estrazione

18.00: Così Riedle: “La Juventus era la squadra più forte, una soddisfazione indimenticabile

17.59: sale sul palco Karl-Heinz Riedle, campione d’Europa con il Borussia Dortmund nel 1997 a spese della Juventus, che sarà l’ambasciatore della finale 2015 che si terrà a Berlino

17.56: viene ora proiettato un altro filmato, questa volta in omaggio alle due icone che ci hanno lasciato durante l’anno: Eusebio e Alfredo Di Stefano

17.54: Casillas ha portato sul palco la coppa vinta a Lisbona. “Tutto il mondo del Real Madrid aspettava di vincere la Decima, è stata una finale combattuta e molto sofferta, siamo riusciti a essere superiori all’Atletico, comunque alla fine abbiamo meritato

17.53: continua l’omaggio alla Casa Blanca, sul palco viene chiamato El Capi, Iker Casillas

17.51: è ora la volta di una clip celebrativa sul Real Madrid

17.49: sul maxischermo del Grimaldi Forum viene ora proiettato il filmato che ripercorre l’ultima edizione della Champions League, con il trionfo finale del Real Madrid

17.45: è iniziata la cerimonia agli ordini di Peter Schmeichel, con la presentazione dei tre candidati al premio UEFA Best Player: Arjen Robben, Manuel Neuer e Cristiano Ronaldo

Tutto pronto dal Grimaldi Forum del Principato di Monaco, dove tra pochi minuti inizierà il sorteggio dei gironi della Champions League 2014-2015. Non ancora assorbita la delusione per l’eliminazione del Napoli per mano dell’Athletic Bilbao, il calcio italiano si concentra sui destini di Juventus e Roma, uniche rappresentanti del nostro movimento nella massima competizione europea per club. La formula è sempre la stessa: le 32 squadre sono divise in 4 urne a seconda della fascia d’appartenenza, coi bianconeri inseriti nella seconda e i giallorossi nella quarta.

Urna 1: Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco, Chelsea, Benfica, Atletico Madrid, Arsenal, Porto

Urna 2: Schalke 04, Borussia Dortmund, JUVENTUS, PSG, Shakthar Donetsk, Basilea, Zenit, Manchester City

Urna 3: Bayer Leverkusen, Olympiacos, CSKA Mosca, Ajax, Liverpool, Sporting Lisbona, Galatasaray, Athletic Bilbao

Urna 4: Anderlecht, ROMA, APOEL, BATE Borisov, Lugodorets, Maribor, Monaco, Malmo

Molte le insidie, a cominciare ovviamente dalle teste di serie. Portoghesi a parte, infatti, dall’urna 1 possono uscire soltanto cattive notizie per Juve e Roma, e anche l’urna 3 potrebbe riservare una brutta sorpresa chiamata Liverpool. I giallorossi dovranno incrociare le dita anche per ciò che riguarda l’urna 2, dove sono in agguato City, Dortmund e PSG.

Appuntamento tra pochi minuti con il sorteggio in diretta.