Sky ha perso la Champions League per i prossimi tre anni (così come hanno più volte ripetuto i telecronisti Mediaset) ma si consolerà trasmettendo il 70% del calcio italiano (fra match di serie A e serie B), le partite di qualificazione ai prossimi Europei, nonché l’Europa League.

Il 70% a cui Sky fa riferimento non contiene, però, le big. Murdoch ha infatti acquisito i diritti di dodici squadre di serie A (Atalanta, Bologna, Carpi, Chievo, Empoli, Frosinone, Palermo, Sampdoria, Sassuolo, Torino, Verona e Udinese) per un totale di 132 match in esclusiva, più l’intero campionato cadetto.

Senza Champions, Sky si rifà con l’Europa League, che vedrà ai nastri di partenza Napoli, Fiorentina e Sampdoria. Il giovedì una delle partite delle italiane sarà trasmessa in chiaro su Cielo tv.

Su Sky, in esclusiva, anche i campionati esteri(oltre 450 match tra Premier League, Bundesliga, Eredivisie, FA Cup e molto altro, trasmessi su Fox Sports) oltre che le gare di qualificazione ad Euro2016, compresi i playoff (112 partite). Per la prima volta, inoltre, Juventus TV e Roma TV faranno parte dell’abbonamento alla tv satellitare.

Capitolo talent: ci sarà Alessandro Del Piero, ma anche una nuova entrata di grido, ovvero Leonardo. Confermatissimi Daniele Adani, Massimo Ambrosini, Beppe Bergomi, Zvonimir Boban, Alessandro Costacurta, Luca Marchegiani, Giancarlo Marocchi, Massimo Mauro.

Sky ha annunciato anche l’approdo di una nuova tecnlogia: “la novità dello Sky Tech, un pacchetto di contenuti tecnologici che cambia l’esperienza di visione dei 90 minuti della partita con replay evoluti e innovativi, ricostruzioni virtuali 3D e ingrandimento degli episodi più discussi delle gare, e infine lo Sky Match Analysis, in collaborazione con Opta, società che fornisce i dati sulle partite ai principali club d’Europa”.