Massimiliano Allegri ha parlato chiaro alla (tormentata) vigilia di Siviglia-Juventus. “Voglio il passaggio agli ottavi di finale. Ora non conta se da primi o da secondi del girone conta poco”.

Il tecnico toscano dovrà fare a meno di diversi uomini. Ai lungodegenti Pjaca, Dybala e Barzagli si sono aggiunti, last minute, Higuain e Barzagli.

“Al di là delle assenze”, spiega il tecnico bianconero, “abbiamo la possibilità di fare una partita importante e di portare a casa un ottimo risultato. Come giocherò? In maniera semplice. Senza Higuain e Dybala ci carà spazio per il 4-3-3 oppure per un modulo a una punta con Cuadrado in appoggio”. A centrocampo partiranno titolari sia Marchisio che Pjanic.

“L’emergenza? Ho a disposizione tanti calciatori. Ci sono Alex sandro, Cuadrado , Kean…”.

Accanto a Massimiliano Allegri, in conferenza stampa è seduto l’ex dell’incontro, Dani Alves (al siviglia tra il 2002 ed il 2008).

“Non siamo qui per puntare al pareggio. Vogliamo vincere e non abbiamo paura. La paura non esiste nel calcio, c’è il rispetto”.

Tutto lascia presagire che la Juventus si schieri con il 4-3-3. Davanti a Buffon, difesa con Dani Alves, Rugani, Bonucci ed Evra. Centrocapo affidato a Marchisio, Pjanic e Khedira ed attacco con Cuadrado, Mandzukic ed Alex Sandro.

Siviglia (3-4-3): Rico; Mercado, Rami, Pareja; Marcano, N’Zonzi, Nasri, Escudero; Vazquez, Vietto, Vitolo. All.: Sampaoli.
Juventus (4-3-3): Buffon; Dani Alves, Rugani, Bonucci, Evra; Khedira, Marchisio, Pjanic; Cuadrado, Mandzukic, Alex Sandro. All.: Allegri.
Arbitro: Clattenburg (ING)