L’avventura di Stefano Pioli sulla panchina dell’Inter è al capolinea. La proprietà nerazzurra si sta da tempo guradando intorno per individuare il sostituto dell’ex Lazio, ma la scelta è tutt’altro che semplice.

I primi due nomi in lista sono Simeone e Conte, per i quali Suning è disposto a mettere sul piatto un ingaggio monstre: 15 milioni di euro.

Le strade che portano al Cholo ed all’attuale tecnico del Chelsea sono in salita. L’argentino potrebbe restare almeno per un’altra stagione all’Atletico, mentre sull’ex ct della Nazionale, vicinissimo al titolo in Premier, c’è anche la sirena del Barcellona.

Per questo il club nerazzurro sta vagliando anche altre strade. Quella di Spalletti, ad esempio. Il toscano è in rotta col club e ieri dopo il successo col Milan si è lasciato andare ad un “non tornerei a Roma” che la dice lunga sul disagio che il tecnico sta vivendo soprattutto in merito alla gestione del finale di carriera di Francesco Totti.

Se Simeone o Conte attualmente rappresentano sogni, Spalletti è una possibilità più concreta. Altri nomi sul taccuino di Ausilio: Jardim, Paolo Sousa, Di Francesco. Il Giornale ha parlato di un interessamento per il clamoroso ritorno di Roberto Mancini.