LENZERHEIDE (Svizzera) – Un po’ ce l’aspettavamo, soprattutto avendo “vivisezionato” il suo atteggiamento in gara dopo le Olimpiadi di Sochi 2014. Ma resta comunque un grande dispiacere, unito alla gioia di aver conosciuto una campionessa favolosa e una ragazza unica, sempre con il sorriso sulle labbra: assieme alla sua grande amica Tanja Poutiainen, anche lei a 33 anni, l’altoatesina Denise Karbon, dopo 6 vittorie&16 podi in Coppa del Mondo, 1 coppa di specialità e 2 medaglie mondiali (tutto ottenuto tra le porte larghe) domenica prossima, con il gigante che chiuderà la stagione a Lenzerheide, abbandonerà l’attività agonistica! Lasciando, da capitana ideale, un grande vuoto all’interno di una squadra però molto competitiva.

E così saranno due le campionesse da celebrare in Svizzera! La simpatica e coraggiosa atleta azzurra, martoriata dagli infortuni, ma comunque decisamente vincente in carriera (e, come ha sempre sostenuto lei, “senza rimpianti, gli infortuni fanno parte del gioco”), ha annunciato ufficialmente il suo ritiro attraverso un messaggio lasciato a tutti i tifosi sui Social Network:

È arrivato il momento di dire addio alle gare! Lo sci è stato la mia vita da quando ero piccola e non è di certo facile lasciarlo, ma sono serena e molto grata per tutte le belle emozioni che in questi anni mi ha regalato! Grazie di cuore a tutti voi che mi avete accompagnato nella mia carriera, grazie del vostro sostegno, per il mega tifo sempre e per l’appoggio e la simpatia anche nei momenti difficili! Ora inizia un nuovo capitolo nella mia vita e sono felice e curiosa di cosa mi aspetta vi ringrazio ancora e ci vediamo presto!! un forte abbraccio!“.

Il suo “Palmarès” vive di gigante, ma Denise è stata, anche se per poco tempo, grande interprete pure dello slalom, sfiorando una medaglia mondiale per 1 centesimo, proprio nei confronti di Tanja Poutiainen (guarda il destino!), mentre da giovane, ci ha confessato una volta, non se la cavava poi così male neppure in superG… Tra le porte larghe può vantare sei successi in Coppa (Alta Badia 2003, più i cinque consecutivi della magica stagione 2007-2008, Solden 2007, Panorama 2007, Lienz 2007, Spindleruv Mlyn 2008, Ofterschwang 2008), l’argento iridato a St. Moritz 2003, il bronzo mondiale della rinascita ad Are 2007 e la Coppa di specialità conquistata e celebrata nelle Finali di Bormio, assieme a Manfred Moelgg (slalom), nel marzo 2008.

E proprio a Bormio, dove ha celebrato il suo trionfo più grande nel 2008, Denise Karbon aveva esordito in Coppa del Mondo all’età di 17 anni il 6 gennaio 1998, con una “non qualifica” alla seconda manche. Il 10 marzo 1999, dopo Deborah Compagnoni, Sabina Panzanini, Karen Putzer, e prima di Nadia Fanchini e Marta Bassino, conquisterà l’oro iridato jr ovviamente in gigante, a Pra Loup/Le Sauze, in Francia! Denise ha conquistato anche 4 titoli italiani, dal 2000, tre tra le porte larghe e uno in slalom, cinque podi (senza vittorie) in Coppa Europa, tre in gigante e due in slalom, e ai mondiali senior può vantare anche ben tre quarti posti, in gigante e slalom a Val d’Isere 2009, in gigante a Garmisch-Partenkirchen 2011! Solo le Olimpiadi non le hanno mai portato fortuna: c’era già giovanissima a Salt Lake City 2002, a Torino era reduce da una stagione intera persa per infortunio, senza fiducia e in lacrime, mentre a Vancouver andrò in rotazione dopo poche porte della prima manche e a Sochi 2014 è uscita nella seconda manche dopo l’ottavo posto nella prima…

In totale, sono 155 le gare disputate in Coppa del Mondo, tra gigante e slalom. Diventeranno 156 domenica con l’ultima, a Lenzerheide.

Non avrei mai pensato di essere capace di prendere questa decisione – spiega la campionessa di Castelrotto -. Ogni volta che vedevo un’atleta ritirarsi, mi prendeva un mal di pancia e un sudore alle mani tale da farmi pensare ‘ma io non lo farò mai..’ In realtà, è arrivata dentro di me la consapevolezza che il momento giusto è adesso, ne sono convinta. E non sono triste. Certo, un po’ di magone viene ma la decisione è presa e sono felice così“.

Denise entra in Nazionale nel 1997 e il suo debutto in Coppa del mondo avviene il 6 gennaio 1998, nel gigante di Bormio quando sta per terminare la carriera Deborah Compagnoni.
Deborah era il mio idolo e quando io ho cominciato a gareggiare lei si è ritirata. E’ stata molto carina con me, mi ha fatto gli auguri e mi ha detto di godermi la carriera perché avrei potuto fare cose importanti. Per lei era arrivato il momento di passare a me il testimone. Adesso è successa una cosa curiosa. Marta Bassino ha cominciato a vincere e debutterà in Coppa del mondo proprio nel giorno in cui io gareggerò per l’ultima volta. E ora io mi sento di dover passare il testimone a lei. E’ come un filo rosso che prosegue. E lo farò. Dirò qualcosa a Marta. Sento di dover fare così“.

Denise, dopo 154 gare, 16 anni di Coppa del mondo, 2 medaglie mondiali, 1 Coppa di gigante, 16 podi in Coppa del mondo di cui 6 vittorie quali sono i momenti più belli, quelli che rimangono ancora oggi?

Senz’altro l’anno della Coppa. Il 2007/2008 è stato un anno magico in tutti i sensi. Tutto è andato perfettamente. Tutto mi veniva semplice, facile. Arrivavano le vittorie una dopo l’altra. Il momento della consegna della Coppa del mondo, a Bormio, mi è rimasto nel cuore. Ancora adesso faccio fatica a raccontare l’emozione che ho provato. Ho sempre considerato la Coppa più importante di una medaglia e tante volte ho anche sognato quel momento”.

Erano gli anni in cui Denise Karbon era “il gigante”.

Si, una bellissima sensazione. La sensazione di essere la donna da battere. Le altre atlete, che spesso io avevo studiato al video, in quel momento cercavano di copiare me, di osservare cosa facevo…”.

La famiglia, gli amici, il paese di provenienza. Tutte realtà molto importanti nella storia di Denise Karbon.

Lo sci è il filo che lega tutto. Io sono nata da un papà allenatore e abitavo proprio di fianco ad una pista di sci. Il paese dove sono nata è un paese di montagna, lì ho gli amici e, lì ho imparato a sciare. Sono valori fondamentali per me, che mi sono sempre portata dentro, che mi danno la sensazione di valere anche come persona e non solo come atleta. Dal mio paese e dalle mie radici ho preso la forza per andare in tutto il mondo a praticare lo sport più bello, a giocare le mie carte e a dimostrare il mio valore. Gli amici, la famiglia hanno vissuto con me questa esperienza, per tanti e tanti anni. Io sono una loro, anche se molte volte è stato difficile mantenere il contatto a causa delle distanze. Ma è sempre stato così”.

Denise, ha anche sofferto molto, a causa dei molti incidenti. Dove hai trovato la forza per rialzarti sempre? Penso nella passione e nell’amore che ho per lo sci. E’ sempre stato quello che volevo fare. Subito dopo ogni infortunio, il primo pensiero era quello di tornare in pista. Almeno, di provarci. Anche perché non è sempre stato così scontato riuscire a tornare fra le migliori. Prima dei Mondiali di Garmisch, nel 2011, ero veramente al limite. Mi sembrava di non farcela più. Ho fatto una sola gara che è andata male. Ai Mondiali però mi hanno portata e sono riuscita ad arrivare quarta. Per me è stata una grande vittoria, uno dei momenti più belli”.

Denise Karbon ha sempre avuto il sorriso sulle labbra, anche nei momenti più difficili.

Io, in realtà, sono cattivissima (ride)… Scherzo, penso che in parte sia un’eredità genetica, anche mia mamma è esattamente come me. E comunque io sono così, sono positiva e sono contenta. Faccio la cosa più bella del mondo, mi sento bene, ho potuto sfidare le ragazze più forti del mondo. E a chi mi dice sei sfortunata perché ti sei infortunata rispondo “la vita ti presenta le difficoltà che hai la forza di poter superare”. E’ così, fa parte del gioco. Non è bello solo vincere, ma anche fare tutto il percorso, ostacoli compresi”.

Quali sono le atlete che l’hanno più colpita, sia dal punto di vista agonistico che da quello umano?

Compagnoni a parte, Janica Kostelic è stata uno dei più grandi talenti che lo sci abbia conosciuto, e poi Anja Paerson, e Sonja Nef, un carisma eccezionale. Tina Weirather è una ragazza splendida con un grandissimo talento. E Mikaela Shiffrin è un fenomeno fuori dal normale. E Maria Rienda Contreras, Sarah Schleper, Tanja Poutiainen che ha fatto un percorso simile al mio. Victoria Rebensburg. E poi, mi sono sempre trovata bene con le mie compagne di squadra, tante sfide, tanti sacrifici fatti insieme ma anche tante risate, sono stata molto bene con loro in tutti questi anni!”.

Quando si chiude una parentesi sono sempre tantissime le persone da ringraziare.

Lo farò persona per persona. A partire dai fisioterapisti che mi hanno aiutato a rimettermi in piedi dopo gli infortuni, agli staff della Nazionale, ai tifosi che mi sono sempre stati vicini.  Io credo che la cosa più importante sia essere sempre se stessi e quindi, ad esempio, fermarsi a fare una foto o un autografo. Essere disponibili anche per i tifosi, gli sponsor, gli amici. A me, per esempio, sono sempre stati momenti che hanno dato tanto. Poi, nel corso degli anni, ho dovuto imparare fino a che punto arrivare, a mettere dei limiti. Ma sono cose importanti, non c’è solo la gara”.

Cosa farà Denise Karbon nel futuro?

Ora ho bisogno di staccare per un po’, per metabolizzare il fatto di non essere più un’atleta. Non tanto perché non devo più fare sacrifici, ma perché devo capire che inizia una vita nuova. Mi piace la fisioterapia. Magari riprenderò a studiare per fare la fisioterapista, visto che un po’ ne capisco e l’argomento mi interessa. Ma non voglio mettermi fretta.
 Ora sono molto serena. Ho potuto avere una carriera così lunga, ho potuto fare questa strada con persone molto belle che mi hanno dato una grandissima mano, mi sono sempre sentita nel posto giusto in squadra. Tante persone hanno camminato insieme a me in quest’avventura in cui ogni cosa è stata bella.  Lo sci è stato la mia vita e non dirò mai che non mi interessa più. Anzi, cercherò di restituire qualcosa di mio alle tante persone che mi hanno aiutato per tanti anni. Con un sorriso, sempre”.