Mediaset fa chiudere sette siti che trasmettevano illecitamente le gare del campionato di serie A 2015/2016. L’Agcom, su segnalazione dell’azienda di Cologno Monzese, ha fermato i seguenti portali: Freecalcio.eu, Calcion.in, Liveflash.tv, Liveflashplayer.net, Webtivi.info, Miplayer.net e Supermariohdsports.wix.

Serie A in streaming, chiusi sette siti:la soddisfazione di Mediaset

Mediaset ha espresso la propria soddisfazione per l’intervento di Agcom. Già lo scorso anno, sempre dopo segnalazione dell’azienda milanese, l’Autorità aveva disposto la chiusura di alcuni siti pirata.

Il problema, però, si è riproposto all’avvio di questa stagione. Mediaset si è dichiarata pronta a rivalersi in sede penale in caso di reiterate violazioni da parte dei soggetti segnalati all’Agcom.

Attualmente i sette siti risultano cancellati: i rispettivi link portano a pagine bianche.

Questo il comunicato diffuso da Mediaset:

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AgCom) ha nuovamente accolto le istanze di Mediaset e ordinato la disabilitazione dell’accesso a sei siti che diffondevano illecitamente in diretta le partite del Campionato di calcio di Serie A 2015-2016.

L’AgCom ha disposto il blocco del Dns ai portali Freecalcio.eu, Calcion.in, Liveflash.tv, Liveflashplayer.net, Webtivi.info, Miplayer.net e Supermariohdsports.wix.

Dopo analoghi provvedimenti attuati dall’Autorità nel 2014 su segnalazione Mediaset, si tratta di un altro importante risultato a contrasto di contenuti trasmessi illecitamente a danno del diritto d’autore e di chi investe nell’acquisizione legale dei diritti tv.

Mediaset esprime quindi soddisfazione per le nuove, tempestive misure AgCom che confermano la necessità di tutela contro attività di pura pirateria che nulla hanno a che fare con la libera manifestazione del pensiero.

Mediaset si riserva di perseguire anche in sede penale eventuali ulteriori violazioni da parte dei soggetti già segnalati all’Agcom.