Giungendo a tre punti dall’Inter e sperando in una débacle interna dei nerazzurri contro il Sassuolo in questa 19a e ultima giornata del girone d’andata, la Juventus – forte anche della sconfitta interna della Fiorentina contro la Lazio, prosegue il suo impressionante percorso di rimonta. Ad attenderla in serata ci sarà la nuova Sampdoria di Montella, una squadra che finora ha messo in evidenza più luci che ombre ma che nell’ultima giornata nel derby della Lanterna ha dimostrato di poter avere quei requisiti da grande squadra che in questi ultimi anni hanno caratterizzato, da un punto di vista d’idee e di gioco, la Fiorentina guidata dal tecnico partenopeo.

Con qualche piccolo aggiustamento Montella manda in campo la medesima squadra che in settimana ha avuto la meglio sul Genoa, un 4-3-3 molto sfrontato con l’obiettivo di fare bottino pieno al Ferraris anche contro una compagine attrezzata e pericolosa come la Juventus. Davanti a Viviano ci sarà una linea difensiva a quattro composta da Moisander e Zukanovic in posizione centrale e Regini e Cassani come terzini. A centrocampo, il solito Fernando posto a schermo della difesa sarà affiancato dalle mezzali Barreto e Soriano mentre il tridente offensivo è rappresentato da Eder e Carbonero alle estremità dell’attacco e Cassano punta centrale.

Allegri vuole suonare la “nona”, per la cui maestosità prepara ancora una volta una struttura orchestrale posizionata secondo il consolidato schema 3-5-2 con Rugani dal primo minuto in difesa insieme a Bonucci e Chiellini. Il problema dell’assenza di un grande strumentista del centrocampo come Marchisio, squalificato, viene affrontato con l’impiego di Hernanes in cabina di regia. A Khedira e Pogba il compito di affiancarlo e a Lichtsteiner e Alex Sandro quello di presidiare le fasce. Con Mandzukic ancora indisponibile la coppia d’attacco sarà formata ancora una volta da Dybala e Morata.

Sampdoria (4-3-3): Viviano; Cassani, Mosainder, Zukanovic, Regini; Soriano, Fernando, Barreto; Carbonero, Cassano, Eder. All. Montella.

Juventus (3-5-2): Buffon; Rugani, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner. Khedira, Hernanes, Pogba, Alex Sandro; Dybala, Morata. All. Allegri.