Dopo sei anni e poco più a Roma ricomincia l’era Spalletti, l’ex allenatore dello Zenit San Pietroburgo che giunto a Trigoria pochi giorni fa ha immediatamente fissato due obiettivi: tornare a vincere senza se e senza ma e riportare i tifosi all’Olimpico. L’occasione parrebbe propizia per raddrizzare un campionato non così storto da come i pochi punti racimolati nelle ultime dieci gare potrebbero suggerire e iniziare un girone di ritorno con un match interno contro l’ultima in classifica, potrebbe essere l’occasione per ripartire col piede giusto. Ma attenzione al Verona dell’ex Luigi Delneri, una squadra che – almeno nelle intenzione – non vuol essere vittima sacrificale di nessuno.

All’apparenza Spalletti non sembra voler cambiar nulla a livello tattico: 4-3-3 era per Garcia e 4-3-3 rimane col nuovo tecnico. Con una differenza che a lungo andare potrebbe risultare sostanziale, ovvero l’impiego di Florenzi esclusivamente dalla metà campo in su, per sfruttarne il suo poderoso potenziale offensivo. Allora al suo posto in difesa, nel ruolo di terzino, si torna a vedere Torosidis, con Digne sul versante sinistro. Al centro torna anche Castan, in coppia con Manolas. A centrocampo il trio degli intoccabili: De Rossi, Pjanic e Nainggolan mentre il tridente offensivo, con Gervinho out, vede per l’appunto Florenzi sull’esterno di destra, Salah a sinistra e Dzeko punta centrale.

Qualche assestamento invece nello schieramento di Delneri che per l’occasione dovrebbe adottare un guardingo 4-2-3-1 con Moras e Helander nel ruolo di centrali difensivi, Sala e Souprayen laterali. La coppia Viviani-Halfredsson agirà sulla mediana mentre a Wszolek ed Emanuelson saranno affidati compiti “pendolari” sulle fasce con l’obbligo di guardare a vista rispettivamente Nainggolan e Pjanic. Ionita occuperà la trequarti avversaria con la stessa licenza di difendere del polacco e dell’olandese e Pazzini sarà l’unico centravanti di riferimento.

Roma (4-3-3): Szczesny; Torosidis, Manolas, Castan, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Florenzi, Dzeko, Salah. All. Spalletti.

Verona (4-2-3-1): Gollini; Sala, Moras, Helander, Souprayen; Viviani, Halfredsson; Wszolek, Ionita, Emanuelson; Pazzini. All. Delneri.