La sfida vinta contro il Milan al San Paolo per 4-2 ha riscattato il mezzo passo falso del pari a Pescara contro la squadra (per ora) rivelazione di Oddo e nell’anticipo serale della 3a giornata di Serie A il Napoli va a far visita al Barbera ospite del “rivoluzionato” Palermo. Una rivoluzione, se così la si vuol inquadrare, che riguarda nello specifico la panchina. Sicuramente non una novità nell’era Zamparini. Ballardini ha dato le dimissioni e al suo posto è arrivato l’ex tecnico del Foggia Roberto De Zerbi, il quale però essendo squalificato dovrà rimandare il debutto con la sua presenza in panchina alla prossima giornata contro il Crotone. Forte del pari a san Siro contro l’Inter è chiaro che i rosanero sperano di fermare anche i partenopei, ma il Napoli si trova già in deficit di 2 punti rispetto alla diretta competitor per lo scudetto Juventus.

Pare che lo schieramento adottato da De Zerbi possa valere anche per un Palermo che rispetto alla gara di San Siro si annuncia di gran lunga più sfrontato. Un 4-3-3 per affrontare a viso aperto una macchina da guerra come il Napoli per un match che promette grande spettacolo. Davanti a Posavec si posiziona dunque una linea difensiva composta da Goldaniga e Rajkovic centrali e Rispoli e Aleesami sull’esterno. A centrocampo sarà l’ex Timão Bruno Henrique a comandare le operazioni, coadiuvato da Gazzi e Hiljemark nel ruolo di mezze ali. Davanti un trittico davvero molto interessante formato da Alessandro Diamanti, pietra preziosa incastonata tra Embalo e Sallai.

Anche Sarri non rinuncia al suo canonico 4-3-3 con l’utilizzo di Albiol e Koulibaly al centro della difesa e Hysaj e Ghoulam nelle zone laterali. Il nuovo agognato arrivo Maksimovic parte inevitabilmente dalla panchina. anche il centrocampo rimane invariato con Jorginho in cabina di regia affiancato come di consueto da Allan sulla destra e Hamsik a sinistra, ma giusto per orientarsi. Davanti le preferenze vanno per ora a Mertens e Milik a scapito rispettivamente di Insigne e Gabbiadini, pronti però a entrare in campo in qualsiasi occasione. Sull’esterno di destra il punto fermo rimane Callejon.

Palermo (4-3-3): Posavec; Rispoli, Goldaniga, Rajkovic, Aleesami; Hjliemark, Bruno Henrique, Gazzi; Embalo, Diamanti, Sallai. All. De Zerbi.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Milik, Mertens. All. Sarri.