La prima domenica della serie A 2016 – 2017 vede una sfida incrociata tra vecchie e nuove conoscenze del Milan, ovvero l’ex allenatore Siniša Mihajlović, passato al Torino, e il nuovo arrivato Vincenzo Montella.

I due si sono dunque avvicendati sulla panchina del Diavolo, passato da poco in mani cinesi, e quest’oggi alle 18 in punto si ritroveranno allo Stadio San Siro. L’obiettivo dichiarato di un Milan pesantemente compromesso da una campagna acquisti non felicissima è quello di arrivare quantomeno in Europa League, dopo il digiuno internazionale completo degli scorsi anni.

Per il Torino Mihajlović invece si aspetta “solo” un avvio di stagione adeguato, e magari anche la possibilità di togliersi qualche sassolino dalle scarpe, dopo l’esonero sul finire della scorsa stagione, quando fu sostituito in corsa da Brocchi: “Partire bene sarebbe importantissimo. La squadra sta abbastanza bene anche se in questa settimana sono successe un po’ di cose, tra partenze, arrivi e ammutinamenti. Il Toro c’è, poi è chiaro che tutti gli allenatori vorrebbero la squadra al completo fin dal primo giorno di ritiro.”

Incognita principale della partita potrebbe essere l’innesto nel Milan di José Sosa, ultimo arrivato costato 7 milioni di euro, un acquisto che non ha proprio entusiasmato i tifosi. Montella fa spallucce e nicchia anche per quanto riguarda le domande sul calciomercato, che gli ha portato solo quattro rinforzi: “Conoscevo le potenzialità economiche della società, non è successo nulla che non mi aspettassi. Nella scelta dei giocatori va considerato il budget a disposizione. L’allenatore dà valutazioni tecnico-tattiche, l’aspetto economico e patrimoniale non gli spetta, almeno in Italia. Sosa può portare avanti il nostro metodo di gioco. Avevo chiesto Iniesta, che ha più o meno la stessa età, ma non c’è stato modo…

Per Montella si prospetta una sfida difficile, dato che il rivale conosce benissimo la sua squadra. Ma visti i precedenti dei due – che hanno allenato praticamente gli stessi team, avvicendandosi di anno in anno – per il napoletano, nel caso di un’annata sfortunata, ci potrebbe essere sempre la possibilità di riparare al Torino l’anno prossimo.

Queste le probabili formazioni della partita secondo l’Ansa.

Milan (4-3-3): Donnarumma, Abate, Paletta, Romagnoli, De Sciglio, Kucka, Montolivo, Bonaventura, Suso, Bacca, Niang.
Torino (4-3-3): Padelli, De Silvestri, Rossettini, Moretti, Molinaro, Acquah, Vives, Obi, Boyè, Belotti, Ljajic.