La sconfitta al Marassi contro il Genoa, più che ridimensionare le speranze e le ambizioni dell’Inter, le ha proprio ammazzate. Come se non fosse stato sufficiente così, durante il turno infrasettimanale di campionato, in contemporanea, è arrivata in extremis anche la vittoria della Roma che all’Olimpico, grazie a una stratosferica doppietta di Totti nel finale, ha ribaltato il risultato battendo il Torino. Adesso quei 7 punti dai giallorossi rappresentano un divario praticamente incolmabile a 4 giornate dal termine di un campionato che per entrambe le milanesi può riservare solo l’Europa “minore”, per questa stagione. Sempre rimanendo in attesa dei verdetti dell’aritmetica. Per adesso c’è l’Udinese in visita – si fa per dire – al Meazza.

Medel è squalificato ma Felipe Melo con il Genoa ha fatto bene, dunque ci sarà lui in mediana insieme a Kondogbia davanti a una difesa composta da Miranda e Murillo in posizione centrale e da D’Ambrosio e Nagatomo sulle corsie laterali. Mancini vuole comunque chiudere bene il campionato e, se risulta impossibile ormai la lotta per il terzo posto, occorre almeno blindare il quarto. Se il problema stagionale dell’Inter è stato l’attacco (Eder ancora a quota zero da gennaio), si prova a sbilanciare l’assetto piazzando 4 giocatori per un rombo offensivo. Jovetic agirà quindi sulla trequarti trasformandosi spesso in seconda punta dietro Icardi, Ljajic e Perisic agiranno sull’esterno.

Stagione deludente anche per l’Udinese, anche se per altri motivi. Servono punti per raggiungere la quota salvezza e De Canio predispone una formazione attenta ma aggressiva con una linea difensiva a tre formata da Heurtaux, Danilo e Felipe, un centrocampo densissimo composto dall’ex Kuzmanovic schierato davanti alla difesa con Badu e Bruno Fernandes interni e Widmer ed Edenilson sulle fasce. Davanti la coppia andata a segno nella vittoria contro la Fiorentina: Zapata e Thereau.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Nagatomo; Felipe Melo, Kondogbia; Ljajic, Jovetic, Perisic; Icardi. All. Mancini.

Udinese (3-5-2): Karnezis; Heurtaux, Danilo, Felipe; Widmer, Badu, Kuzmanovic, B. Fernandes, Edenilson; Zapata, Thereau. All. De Canio.