L’Inter riparte da Bergamo in questa prima giornata del girone di ritorno, ritrovando l’Atalanta che tanto fece soffrire i nerazzurri di Milano nella giornata d’esordio del campionato 2015-2016. Riparte soprattutto dalle due sconfitte casalinghe consecutive con Lazio e Sassuolo (inframezzate dalla vittoria a Empoli) e con la voglia e l’esigenza di riagguantare e, possibilmente, superare il Napoli diventato capolista nell’ultimo turno giocato, impegnato nell’anticipo serale contro il Sassuolo.

Reja conosce bene l’avversario e sa che attualmente i maggiori punti di forza sono concentrati su una buona tenuta difensiva, consapevole del fatto che anche se l’Inter è una squadra che segna poco, gli basta poco anche per far male. La strategia è quella di vincere la partita a centrocampo, facendo densità e sfruttando la superiorità numerica per bloccare qualsiasi iniziativa degli ospiti proprio in quel settore del campo. Per questo adotta un 3-5-2 molto accorto con il trittico difensivo composto da Masiello, Toloi e Cherubin con a centrocampo Cigarini, De Roon e Migliaccio a fungere da centrali e mezzale ed Estigarribia e Dramé sulle fasce. Davanti il tandem tutto argentino con il Papu Gomez e German Denis.

Mancini vuole assolutamente più grinta e più dinamismo a centrocampo, ragion per cui potrebbe optare per Brozovic al posto di Kondogbia, che fino ad ora non ha mai convinto. Il 4-4-2 potrebbe essere la soluzione da opporre alla maginot eretta in mediana da Reja, con la coppia sudamericana di centrali Miranda e Murillo e i terzini D’Ambrosio e Telles. Accanto a uno tra il francese ex Monaco e il croato ex Dinamo Zagabria, con Felipe Melo ancora squalificato, ci saranno Biabiany e Perisic con i compiti ben precisi di coadiuvare la manovra offensiva e garantire i rifornimenti alle due punte Icardi e Jovetic, che torna finalmente titolare dopo i dissapori con il tecnico jesino, memore del gol partita nella sfida dell’andata. A questo giro è Ljajic a partire dalla panchina.

Atalanta (3-5-2): Sportiello; Masiello, Toloi, Cherubin; Estigarribia, Cigarini, De Roon, Migliaccio, Dramé; Denis, Gomez. All. Reja.

Inter (4-4-2): Handanovic; D’ambrosio, Miranda, Murillo, Telles; Biabiany, Medel, Kondogbia, Perisic; Icardi, Jovetic. All. Mancini.