Calciatori inglesi in campo a Natale e italiani alle Maldive o a Miami. Una tiritera che si ripete ogni anno, eppure non è stato sempre così.

La lunga sosta della Serie A, che riprenderà il prossimo 5 gennaio, c’è da 23 anni. Quella del 30 dicembre 1990, è l’ultima data di una giornata di campionato giocata fra Natale e Capodanno.

La Sampdoria di Vialli e Mancini, che poi vinse lo Scudetto, regolava sul 3-1 l’Inter del Trap ed era in testa con un punto di vantaggio sul Milan, che con reti di Ancelotti e Gullit aveva superato la Juventus di Baggio.

Ci sono addirittura due casi nel passato in cui si è giocato il 25 dicembre, in barba alla festa più celebrata: è capitato nel 1955 e nel 1960, anche se nel primo caso, 1 gara su 9 fu anticipata alla vigilia e altre 3 posticipate al 26.

Nel 1960, invece, solo 1 gara su 9 anticipata alla vigilia e nessun posticipo.

La Serie A a girone unico è scesa in campo alla vigilia di Natale anche nel 1933, 1950, 1961, 1966 e 1972.

A Santo Stefano, ovvero il 26 dicembre, altre 5 volte, nel 1948, 1949, 1954, 1965 e 1971.

Foto: Infophoto.

MA LA SERIE B GIOCA IL 26