Rimpasto di governo ai vertici del campionato di Serie A di basket, al termine della 10.a giornata. La capolista Umana Venezia, infatti, ha perso nel modo più incredibile lo scontro diretto contro la Grissin Bon Reggio Emilia (59-68), facendosi agganciare così in classifica a quota 16 punti. La squadra di Charlie Recalcati era partita fortissimo, toccando addirittura il +18 di vantaggio a metà del secondo periodo (31-13), ma nel secondo tempo gli ospiti, che pure dovevano rinunciare a Kaukenas e a Dariusz Lavrinovic (che verrà tagliato), hanno iniziato la lenta ma inesorabile rimonta che li ha condotti al primo sorpasso firmato Ksistof Lavrinovic sul 52-53. Nell’ultimo periodo l’Umana non ha più visto il canestro (1/10 dal campo per un totale di 7 punti) e per Taylor e compagni è stato facile condurre in porto la vittoria.

In testa alla classifica, a pari merito con Venezia e Reggio Emilia, ecco rispuntare anche l’Olimpia Milano, che ha dovuto sudare molto più del previsto per avere la meglio sulla sgangherata Juve Caserta dell’ex Zare Markovski (78-71), fanalino di coda con zero vittorie all’attivo. I biancorossi, forse con la testa ancora rivolta all’impresa di Eurolega contro il Panathinakos, sono addirittura rimasti sotto nel punteggio per tutto il primo tempo, anche a causa delle strane rotazioni di Luca Banchi, che chiede oltre 30′ a Gentile e Ragland e ne concede 11′ e 15′ a giocatori come Brooks e James che invece hanno assoluto bisogno di entrare in ritmo. Un break a metà terzo periodo consente a Gentile e compagni di operare il sorpasso, ma per chiudere definitivamente la pratica serve una tripla di Brooks a meno di 2′ dallo scadere.

A complicare ulteriormente la vita per Caserta ci si mette Pesaro: la Vuelle trova una vittoria bella e insperata a Cremona (73-80), a cui non basta un Luca Vitali da career-high (17 punti) e mette sei punti tra sé e i bianconeri in ottica salvezza. Continua il momentaccio per Cantù, che perde 79-71 a Capo d’Orlando, nonostante un Feldeine da 23 punti, e si vede agganciare in classifica dai siciliani nel gruppo delle squadre a quota 8 punti. A proposito di questo affollatissimo gruppone, ci si è aggiunta anche la Varese del Poz, che ha guadagnato il suo secondo successo consecutivo con l’83-73 rifilato alla Virtus Bologna. Stasera il posticipo tra Trento e Sassari. Ecco tutti i risultati:

Sidigas Avellino-Acea Roma 74-70

Giorgio Tesi Group Pistoia-Enel Brindisi 70-83

Umana Reyer Venezia-Grissin Bon Reggio Emilia 59-68

Upea Capo d’Orlando-Acqua Vitasnella Cantù 79-71

Vanoli Cremona-Consultinvest Pesaro 73-80

EA7 Emporio Armani Milano-Pasta Reggia Caserta 78-71

Openjobmetis Varese-Granarolo Bologna 83-73