Certo, non è più il Parma dei Tanzi, quello che vinceva coppe in Italia e in Europa, ma neppure una cenerentola, visto che da quattro stagioni si colloca stabilmente nella parte centrale della classifica. Da quando è risalita nella massima serie (2009), la rinata società del presidente Ghirardi ha ottenuto due ottavi posti, un decimo e un dodicesimo.

L’arrivo di Antonio Cassano potrebbe permettere un ulteriore salto di qualità, ma è chiaro che la squadra di Donadoni punta come sempre alla salvezza.

Nella storia moderna dei gialloblù ci sono una Coppa delle Coppe, due Coppe Uefa, tre Coppe Italia, due secondi e un terzo posto: i tifosi sognano dunque di poter arricchire ancora il palmares.

Importante, sotto quest’aspetto, la rinnovata fiducia a mister Roberto Donadoni, arrivato in corso d’opera nel 2011-12 e tutt’oggi il tecnico più longevo sulla panchina della ormai centenaria società emiliana.

Foto: Infophoto.