Una società in ascesa continua: solo sette anni fa il Napoli di Aurelio De Laurentis giocava la sua ultima gara in Serie C1. Oggi è un habitué dei primi posti della classifica della Serie A e si appresta a disputare la sua seconda Champions League della storia, alle quali vanno ovviamente aggiunte le due Coppe dei Campioni di maradoniana memoria.
Dopo la doppia promozione 2006-2007 sono arrivati numerosi importanti piazzamenti e anche un trofeo, la Coppa Italia 2011-12, la quarta della storia.
I recenti ingaggi estivi, su tutti quello di mister Rafa Benitez, ma anche Higuain, Callejon, Pepe Reina e Albiol, gente avvezza al massimo torneo continentale, lasciano pensare che il ciclo sia solo iniziato.
Se ne sono andati alcuni protagonisti del periodo appena concluso, come Mazzarri, De Santis, Cavani e Campagnaro, ma la sensazione è che si voglia puntare a un ulteriore salto di qualità, magari verso quel terzo scudetto, che all’ombra del Vesuvio si attende ormai dal lontano 1990.
Mai sotto il sesto posto negli ultimi quattro anni, con quattro partecipazioni alle coppe: il Napoli è oggi a tutti gli effetti nell’olimpo delle grandi del calcio italiano e siede al tavolo con Inter, Milan e Juventus.

Foto: Infophoto.