Nyon e Basilea sono vicine, non soltanto geograficamente (circa 230 km) ma anche a livello cronologico visto che i sorteggi della Uefa Europa League preludono a un avvicinamento temporale alla finale della competizione in programma il 18 maggio, trattandosi delle semifinali l’appuntamento delle quali è fissato per il 28 aprile e il 5 maggio prossimi. Dalle urne di Nyon sono usciti i seguenti accoppiamenti che metteranno di fronte Shakhtar Donetsk-Siviglia e Villareal-Liverpool.

Scongiurato dunque, dopo Siviglia e Athletic Bilbao, un altro derby spagnolo, se la vedranno da una parte due dei club protagonisti degli ultimi anni in Europa quali lo Shakthar Donetsk (vincitore dell’Europa League nel 2008-2009) e il Siviglia (club detentore del trofeo e più titolato della competizione con ben 4 successi, gli ultimi dei quali le due recenti annate 2013-14 e 2014-15) e dall’altra due rappresentanti di scuole calcistiche totalmente diverse come quella iberica e quella inglese.

Non sarà facile per il Siviglia, che giocherà l’andata in Ucraina, contro uno Shakhtar che nei quarti di finale ha letteralmente demolito il Braga e gode di uno stato di forma eccezionale. Complicata dunque la missione “terzo titolo consecutivo” per gli uomini di Unai Emery che però hanno già affrontato e vinto i rivali negli ottavi dell’edizione 2006/2007 grazie a un gol nei supplementari firmato da Ernesto Chevanton. Allora sulla panchina degli andalusi c’era Juande Ramos mentre su quella dello Shaktar sedeva, come nell’attualità, Mircea Lucescu.

Dopo l’autentica impresa, poiché in rimonta e con un Borussia Dortmund in palla, nei quarti di finale, il Liverpool di Jürgen Klopp affronterà il Villareal al Madrigal nella gara d’andata per una sfida assolutamente inedita per quanto riguarda le competizioni ufficiali tra i Reds e il Submarino Amarillo. Un sorvegliato a vista per Klopp e i suoi sarà sicuramente il centravanti francese d’origine congolese Cédric Bakambu, autore di due doppiette, all’andata e al ritorno, contro lo Sparta Praga e vicecapocannoniere del torneo con 9 reti. A sua volta il Villareal dovrà stare attento a uno dei giocatori più in forma del momento: il giovanissimo Divock Origi.