Dopo un esordio amaro ma in qualche misura prevedibile dell’Italia, sconfitta dall’Irlanda al Sei Nazioni 2015 di rugby, la compagine azzurra è attesa da un altro appuntamento sulla carta proibitivo. Il quindici di Brunel sarà infatti impegnato sabato 14 febbraio alle 15:30 (ora italiana) a Twickenham, il tempio del rugby, contro l’Inghilterra che ha superato il Galles al Millenium Stadium nella gara d’apertura.

Le preoccupazioni aumentano a causa degli infortuni pesanti di Campagnaro e Zanni con il c.t. Brunel che si vede costretto a ridisegnare la formazione. In conferenza stampa il tecnico francese ha annunciato sei cambi complessivi con quattro volti nuovi: McLean andrà estremo, Masi sarà il primo centro con Morisi subito alle spalle. In cabina di regia viene confermata la fiducia alla coppia a Haimona e Gori nel ruolo di mediano di mischia. Con l’assenza di Zanni in terza linea, ci sarà Bergamasco (che raggiungerà le 101 presenze in azzurro) a fare reparto con Parisse e Minto. Venditti e Sarto conservano la loro naturale posizione all’ala.

Marco Bortolami, recuperato in seguito al problema muscolare occorso nella settimana scorsa, indosserà la “cinque” e giocherà con Biagi al quinto caps in seconda linea. Il tridente in prima linea sarà costituito da Castrogiovanni sul lato destro, Ghiraldini tallonatore e De Marchi che sulla sinistra rileva Matias Aguero.

(Foto by InfoPhoto)