Settimana sconfortante per la Juve. Al Camp Nou non è andata come Buffon e compagni speravano: 3-0 e tante care cose. Ma per dimenticare la bruciante sconfitta c’è già l’impegno esterno col Sassuolo.

Doppietta bianconera nello scorso campionato

Nel turno d’andata dello scorso campionato “Madama” si impose 3-1. Uomo copertina Gonzalo Higuain, due volte sul tabellino dei marcatori, completato da Pjanic e Antei. Tre i precedente al Mapei Stadium. Primo, datato 28 aprile 2014, favorevole agli ospiti: al vantaggio di Zaza seguirono i centri targati Tevez, Llorente e Marchisio. Ancora Zaza in gol il 18 ottobre successivo, Pogba pareggiò i conti. Bianconeri trionfanti anche nell’ultimo confronto, dello scorso 29 gennaio. In quell’incontro la squadra di Allegri sfoggiò evidente superiorità e chiuse con un perentorio 2-0. Impressionò ancora una volta la collaborazione fra i cinque tenori (Pjanic, Cuadrado, Dybala, Mandzukic e Higuain). E come a Torino disputò una partita sontuosa Gonzalo Higuain, che aprì le danze e poi servì a Khedira l’assist per il raddoppio.

L’unico acuto del Sassuolo

Sfida con più strascichi quella del 28 ottobre 2015: Sansone suggellò su punizione il trionfo emiliano, affossando una Signora che da lì in poi non sbaglierà più un colpo. Il primo capitolo fu invece stravinto dagli indomiti bianconeri. Correva la stagione 2012/2013 e contro un neopromosso Sassuolo i bianconeri fecerone faville. Una forza della natura l’Apache Tevez, che fece a pezzi la difesa neroverde con una tripletta. A firma Peluso il definitivo 4-0.

In Emilia discreto equilibrio, ma allo Stadium non c’è paragone

Piuttosto scarno il novero dei confronti in casa del Sassuolo tra le due formazioni. Due vittorie esterne, un pari e un successo per il Sassuolo: equilibrio quasi perfetto. Lo storico diventa tuttavia impietoso nei confronti dei neroverdi se prese in esame pure le gare disputate allo Stadium, dove i ragazzi di Massimiliano Allegri hanno centrato tre vittorie su tre, siglando 15 gol e incassandone solo 4.