Ieri sera la Roma ha sconfitto 2-0 il Milan. Ora la Juventus vuole battere il Sassuolo per riportarsi a 8 lunghezze di vantaggio dai giallorossi e proseguire il suo fantastico campionato. Solo una compagine strabiliante come quella capitolina riesce a tenere testa alla Vecchia Signora. E’ incredibile pensare che con 85 punti dopo 35 giornate Totti e compagni siano solo secondi e a 5 punti di distacco dalla capolista. Se i bianconeri vincessero a Reggio Emilia contro i neroverdi e nel turno successivo contro l’Atalanta allo Stadium, conquisterebbero matematicamente lo scudetto indipendentemente dai risultati degli avversari. Potrebbe partire così la grande festa. Sarebbe tanta  roba considerato che la gara contro i bergamaschi si disputerà  il 5 maggio. L’idea di poter trionfare in quella data è davvero fantastica. La mente torna al campionato 2001/2002 in cui proprio il 5 maggio la Juventus si laureò campione d’Italia beffando l’Inter.

I bianconeri sono quindi attesi a Reggio Emilia dove il Sassuolo gioca le sue gare casalinghe. Il Mapei Stadium è già sold out. Dopo avere attraversato un periodo nerissimo, gli emiliani stanno ora vivendo un buon momento. Sono immersi nella lotta per la salvezza e, proprio per questo, entreranno in campo determinati a cercare di conquistare punti vitali. Avranno il coltello tra i denti e faranno di tutto per sgambettare la squadra di Conte. Proprio come vorrebbe Garcia che recentemente ha avuto modo di polemizzare sull’atteggiamento un po’ blando delle ‘piccole’ nell’affrontare la Juve. Il Sassuolo, poi, ha più di una settimana intera per preparare questa sfida, mentre la Juventus ha giocato giovedì scorso in Europa League. Tuttavia, almeno sulla carta, i Campioni d’Italia non dovrebbero incontrare immense difficoltà. In classifica tra le due compagini ci sono ben 62 lunghezze di distacco. Un’infinità. Inoltre agli emiliani mancheranno giocatori importanti come Berardi, Biondini e Missiroli squalificati.

Sconfiggere il Sassuolo sarebbe rilevante anche in prospettiva Europa League. Giungere alla semifinale di ritorno contro il Benfica con la sicurezza data da un vantaggio significativo in serie A è sicuramente meglio che arrivarci con la consapevolezza di avere appena concesso a una squadra forte e in palla come la Roma di recuperare qualche punto. Bisogna considerare anche che la Juve sarà ospite dei giallorossi all’Olimpico alla penultima giornata. Meglio arrivare a quella sfida con lo scudetto già aritmeticamente conquistato anche perché, se i ragazzi di Conte dovessero approdare in finale di Europa League, questa si disputerebbe pochi giorni dopo il match contro la truppa di Garcia e giocare due gare tanto importanti in così poco tempo potrebbe rappresentare un problema.

LEGGI ANCHE:

le pagelle di Benfica-Juve