A Radio Cusano Campus, emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano di Roma, il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, intervistato in merito alla recente polemica sui campi rom, ha speso parole al miele per  il capitano della Roma Francesco Totti.

“Una telefonata tra me e Totti potrebbe esserci, lo vedrei bene a occuparsi di sport. Mie dichiarazioni sui rom? Non pensavo a una reazione del genere, l’Italia da questo punto di vista è ipocrita. Sento anche una grande responsabilità perché a Roma in passato sia la destra che la sinistra hanno fallito da tanti punti di vista, spero nel mio piccolo di poter dare una risposta positiva ai romani che non meritano una città in queste condizioni”.

Nonostante la già più volte ostentata fede rossonera, il leader del Carroccio apprezza molto l’attaccante giallorosso, a tal punto che lo avrebbe voluto al Milan: “Totti? Lo stimo tantissimo come uomo e come calciatore, non so come la pensa politicamente, ma lo avrei voluto al Milan. È un grande giocatore, un uomo intelligente, fa beneficenza ed ha tanta autoironia”.

Salvini non si limita agli apprezzamenti sportivi, e lancia un assist a Totti per un suo possibile coinvolgimento politico nello sport: “La politica è la politica e il calcio è il calcio, questo va specificato, però io Totti lo conoscerei molto volentieri, una telefonata potrebbe esserci, magari a occuparsi di sport ce lo vedrei bene”.