La Firenze sportiva attende l’incontro tra i procuratori di Mohamed Salah e la dirigenza Viola alla stessa maniera di una partita di cartello che vede impegnata l’amata Fiorentina.

Magari un match proprio contro l’odiata Juventus, club che potrebbe approfittare dell’eventuale rottura delle trattative tra Rogg e l’entourage del calciatore egiziano.

L’incontro si sarebbe dovuto tenere già ieri alle 18, a Milano, ma il procuratore dell’egiziano ha fatto sapere di aver perso l’aereo che lo avrebbe condotto in Italia. Una notizia che ha raggiunto Rogg proprio quando il direttore generale viola si stava precipitando nel capoluogo lombardo. A lui non è rimasto che ritornare sui suoi passi, telefonare a Pradè e rimandare tutto a quest’oggi.

Salah, la strategia della Fiorentina

La Fiorentina ha già un accordo con il Chelsea per il rinnovo del prestito. I Blues sperano che il calciatore accetti l’offerta Viola, ovvero un contratto con salario che dai 2 milioni verrà portato a 3 milioni.

A Salah, insomma, sarebbe corrisposto un ingaggio superiore a quello di Borja Valero e Giuseppe Rossi, divenendo il secondo calciatore più pagato nella rosa a disposizione di paulo Sousa, secondo solo a Mario Gomez.

A Firenze spira un moderato ottimismo. Se la Fiorentina proporrà un contratto da 3 milioni a stagione, Salah firmerà senz’altro, ma per una cifra inferiore il rischio è quello che il Messi d’Egitto saluti le rive dell’Arno.

Una trattativa che ha diversi spettatori interessati. Ad iniziare dall’Inter, per finire alla Juventus, passando per Milan e Roma.

Per Mancini, Salah è l’obiettivo numero uno. Mette sul piatto un progetto tecnico ambizioso, da antagonista numero uno della Juventus.

I bianconeri, a loro volta, possono sbandierare la partecipazione alla Champions League, proprio com ela Roma. più defilato il Milan, che non ha però disdegnato un seppur timido interessamento per il fantastista egiziano.

In ogni caso, se una squadra che non è la Fiorentina (già d’accordo per il prestito) vorrà acquistare Salah dovrà prepararsi ad un sostanzioso esborso.

Il Chelsea, infatti vuole 25 milioni. 7 in più rispetto alla cifra chiesta in gennaio. Le belle giocate si fanno pagare.